INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Vista su INAF - Osservatorio Astronomico di Padova.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
seminario Dr. Sebastien Salmon
When:
12.10.2017 - 12.10.2017
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 12 Ottobre 2017, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

Sebastien Salmon 

   Università di Liegi 

 

 A new light on the Solar problem

 

 ABSTRACT

The Sun, because it is the star for which we have the largest set of observational constraints, is a calibration reference for theoretical stellar models. Among others, the study of the Sun oscillations – helioseismology - has provided strong constraints on the Sun internal rotation profile, the location of the base of its convective envelope, or the helium abundance of its envelope. Standard Solar Models built in the nineties were a major success of stellar physics since they presented a good agreement with helioseismology. However, in the past decade, the abundances of elements in the Sun were revised by Asplund et al., leading to a large decrease of the solar metallicity. As a consequence, Standard Solar Models with revised abundances now fail to reproduce most of the helioseismic constraints. This stalemate, known as the Solar problem, questions the accuracy of the equation of state, opacities and other ingredients used in the stellar models. Remarkably, this led the Los Alasmos group to compute new stellar opacities for the community.
To shed a new light on this problem, we have developed in our team new helioseismic diagnosis, thanks to which we are able to derive the Sun envelope metallicity, as well as the entropy and Ledoux discriminant internal profiles. We present here the results of these new helioseismic inversions, and their consequences for Solar Models, including those with the new Los Alamos opacities.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • I ricercatori hanno identificato 121 esopianeti giganti che potrebbero avere satelliti naturali abitabili: esolune potenzialmente in grado di offrire un ambiente favorevole alla vita, forse persino migliore della Terra. Lo studio su The Astrophysical Journal

  • Un nuovo studio franco-cinese mette in dubbio la necessità di contemplare l’effetto di una materia oscura per spiegare i moti stellari delle piccole galassie con poche stelle che si trovano in prossimità della Via Lattea

  • Il raro fenomeno che porta alla disgregazione delle stelle è noto come evento di distruzione mareale e si verifica quando una stella viene catturata dal buco nero supermassiccio tramite la sua invincibile attrazione gravitazionale. Non c'è scampo: l'oggetto viene fatto a pezzi e addio stella. Lo studio è stato pubblicato oggi su Science. Il commento di Marco Bondi dell'Inaf di Bologna

  • Una nuova analisi dei dati ottenuti dallo strumento italiano Vir a bordo della sonda Nasa Dawn suggerisce che la concentrazione dei composti del carbonio trovati sulla superficie del pianeta nano Cerere potrebbe essere tra il 40 e il 50 per cento, sorprendentemente più alta di quanto finora calcolato

  • La risoluzione è ancora molto bassa e la forma dell'oggetto è ancora indistinta, ma ricorda il dango, un tradizionale dolce di riso giapponese. L'Italia si occuperà della caratterizzazione mineralogica della superficie di Ryugu e per l’individuazione dei siti di atterraggio del lander Mascot

  • I dati del satellite Gaia dell’Agenzia spaziale europea - protagonista proprio oggi, a Roma, di uno speciale “Gaia Science Day” - mostrano che il disco della nostra galassia è stato plasmato da un massiccio evento di fusione e da alcune fusioni più piccole

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information