INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Specola e Dipartimento di Fisica ed Astronomia.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
seminario Dr. Mario Pasquato
When:
30.11.2017 - 30.11.2017
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 30 Novembre 2017, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Mario Pasquato

  INAF Osservatorio Astronomico di Padova 

 

                              Black hole hunting with artificial intelligence

 

ABSTRACT

To make astronomy automatic we must:
1) break down research into a series of simple classification or regression problems;
2) teach computers how to solve these problems without human intervention.
Step 2 is already reality: computers can be taught by example, rather than being explicitly programmed. This is called machine learning, it has countless applications in everyday life and is already changing the face of astronomy. Step 1 is harder to do, but it ultimately boils down to (realistically) simulating two or more different astrophysical scenarios, producing mock-observations, and comparing them with real data to determine which scenario is actually taking place.
My project uses the search for Intermediate Mass Black Holes (IMBHs) in star clusters as a proof-of-concept example and case study in automatic astronomy. I will use a large set of simulations to generate mock observations of clusters that host an IMBH and clusters that do not, train machine learning algorithms on them, and finally classify data from actual clusters into IMBH hosts or non-hosts. In particular, I will discuss the use of photometric data (star counts, surface brightness profiles) and kinematic data (velocities from spectroscopy or proper motions, accelerations and jerks from pulsar timing.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La Società italiana di fisica (Sif), il cui Congresso nazionale è in corso in questi giorni all’università della Calabria, ha assegnato il premio “Giuseppe Occhialini” a Elena Pian, astronoma dell’Istituto nazionale di astrofisica a capo del team che, per primo, ha ottenuto lo spettro della coalescenza di una coppia di due stelle di neutroni

  • Criovulcani hanno eruttato lungo tutta la storia di Cerere, ma tale continua attività non ha avuto lo stesso esteso impatto sulla superficie del pianeta nano che ha avuto il vulcanismo basaltico sulla Terra

  • Mappando il movimento orbitale di due nane brune, un team di ricercatori è stato in grado di determinare le loro masse. Si è così scoperto che possono arrivare ad avere una massa pari anche 75 volte quella di Giove, riducendo così la linea di separazione tra stelle e nane brune

  • All’Epsc, il Congresso europeo di planetologia in corso a Berlino, è stato presentato uno studio che, simulando scontri “mordi e fuggi” tra e protopianeti formati in diverse zone del sistema Solare, calcola che una buona parte dell’acqua dei pianeti rocciosi verrebbe proprio da questi incontri occasionali

  • Due articoli pubblicati di recente su Astronomy & Astrophysics, coordinati da Veronica Roccatagliata ed Elena Franciosini dell’Inaf di Arcetri, confermano la natura binaria di due ammassi stellari, misurando per la prima volta – grazie ai dati del satellite Gaia dell’Esa – la separazione spaziale fra i rispettivi subammassi

  • Resti brillanti del materiale rimasto dal processo di devolatilizzazione avvenuto sulla superficie di Mercurio forniscono nuove informazioni sulla storia della formazione del primo pianeta del Sistema solare. Lo mostra uno studio guidato da Alice Lucchetti dell'Inaf di Padova e pubblicato su “Journal of Geophysical Research: Planets”

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information