INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

La Torre della Specola.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
seminario Dr. Richard Anthony D'Souza
When:
23.02.2018 - 23.02.2018
Where:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Venerdi 23 Febbraio 2018, h. 11:30 
 Aula Jappelli Osservatorio Astronomico

Richard Anthony D'Souza

  Specola Vaticana
 

 Unravelling the Andromeda Galaxy's most massive merger

Abstract

The Andromeda Galaxy (M31), our nearest large galactic neighbour, offers a unique opportunity to test how mergers affect galaxy properties. M31's stellar halo caused by the tidal disruption of satellite galaxies is the best tracer of the galaxy's accretion history. Despite a decade of effort in mapping out M31's large stellar halo, we are unable to convert M31's stellar halo intoa merger history. Here we use cosmological models of galaxy formation to show that M31’s massive and metal-rich stellar halo containing intermediate age stars implies that it merged with a large (M* ~ 2.5 x 10^10 M_sun) galaxy ~2 Gyr ago. The simulated properties of the merger debris help to interpret a broader set of observations of M31’s stellar halo and satellites than previously considered: its compact and metal-rich satellite M32 is the tidally-stripped core of the disrupted galaxy, M31’s rotating and flattened inner stellar halo contains most of the merger debris, and the giant stellar stream is likely to have been thrown out during the merger. This accreted galaxy was the third largest member of the Local Group. This merger may explain the global burst of star formation ~2 Gyr ago in the disk of M31 in which ~1/5 of its stars were formed. Moreover, M31’s disk and bulge were already in place before its most important merger, suggesting that mergers of this magnitude do not dramatically affect galaxy structure.

Venue

Venue:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova
Street:
vicolo Osservatorio 5
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Gli scienziati della Nasa hanno scoperto che i protoni del vento solare, quando arrivano sulla Luna, interagiscono con gli elettroni presenti sulla sua superficie, formando atomi di idrogeno che si legano agli innumerevoli atomi di ossigeno presenti nella silice e in altre molecole che costituiscono il suolo lunare, portando alla formazione del gruppo idrossile, di cui è composta l’acqua

  • È partita la mattina del 22 febbraio con un razzo Space X la navicella spaziale Beresheet, prima missione lunare israeliana. È la più leggera ed economica mai progettata per atterrare sul nostro satellite, ed è quasi interamente finanziata da privati

  • La scorsa notte, con qualche minuto di anticipo rispetto alla tabella di marcia, la sonda dell’agenzia spaziale giapponese Jaxa ha completato con successo la sequenza di approdo, esplosione del proiettile per la raccolta di un campione del suolo di Ryugu e rientro in posizione base

  • È iniziata ieri, mercoledì 20 febbraio, la campagna osservativa dedicata a Scorpius X-1, un sistema binario dove una stella di neutroni emette intensi getti di materia. Per questo studio sono state mobilitate 70 antenne radio, 4 grandi telescopi ottici e infrarossi e 4 missioni spaziali X. Media Inaf ha intervistato la coordinatrice del progetto, Sara Motta, dell’Università di Oxford

  • A seguito della fusione delle due stelle di neutroni osservata nell’agosto 2017, oltre alle onde gravitazionali rivelate da Ligo e Virgo è stato emesso anche un getto a velocità relativistica che ha bucato il materiale espulso dalla fusione. Lo dimostra uno studio, pubblicato oggi su Science, coordinato da Giancarlo Ghirlanda dell’Istituto nazionale di astrofisica

  • L'osservatorio solare ed eliosferico Soho di Esa e Nasa ha di recente scoperto che la geocorona si estende ben oltre l'orbita del nostro satellite naturale, raggiungendo una distanza di 630mila km sopra la superficie terrestre o 50 volte il diametro del nostro pianeta

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information