INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

La Specola.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr. Michele Trenti
When:
19.04.2018 - 19.04.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 19 Aprile 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Michele Trenti

   School of Physics, The University of Melbourne
 

 Galaxies at cosmic dawn

 

ABSTRACT

Hubble's observations in the last decade transformed our view of early galaxy formation by building reliable samples of galaxies out to redshift z~8 (~600 Myr after the Big Bang) and hinting at a dramatic evolution in properties at yet earlier times, within the first half of the reionization epoch. I will present the latest results on the search for galaxies at redshift z~9-11 (~450 Myr after the Big Bang) and combine them with the measurement of the two point correlation function at z>7 and with inference from high redshift Gamma Ray Bursts to discuss the connection between dark-matter halos, assembly of galaxies, and production of reionizing photons during cosmic dawn. Finally, I will discuss the opportunities for taking the next leap forward in characterizing the first stars and galaxies by leveraging the synergy among next generation space telescopes, in particular the James Webb Space Telescope and the Wide-Field Infrared Survey Telescope.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Una nuova ipotesi, nata dall'osservazione del movimento delle stelle nella Grande Nube di Magellano, fa pensare che in origine la famosa coppia di galassie - visibili a occhio nudo nell'emisfero australe - fosse un terzetto, ma due di loro si sarebbero successivamente fuse tra tre e cinque miliardi di anni fa

  • Impresa storica per la missione giapponese Hayabusa-2: i due moduli Rover-1A e Rover-1B sono approdati su Ryugu e funzionano correttamente, saltellando come grilli sull’asteroide e inviando a Terra le immagini. «È la prima volta che l’uomo manda sulla superficie di un piccolo corpo planetario un robot mobile», commenta entusiasta Ernesto Palomba dell’Inaf di Roma

  • I tre mini-rover, poco più di un kg ciascuno, hanno il compito di generare immagini stereo della superficie di Ryugu. Non hanno le ruote, quindi per muoversi sull'asteroide dovranno saltellare

  • Domenica 23 settembre, alle 3:54 ora italiana, i raggi del Sole saranno perpendicolari all'asse terrestre, segnando l'inizio dell'autunno astronomico. Ne parliamo con Andrea Longobardo dell'Istituto di astrofisica e planetologia spaziali dell'Inaf di Roma

  • Il rover Curiosity della Nasa ha sospeso temporaneamente le sue attività scientifiche su Marte a causa di un problema tecnico. L'imprevisto sta costringendo gli ingegneri della Nasa a un super lavoro, anche se non sembra aver compromesso la salute del rover che rimane vigile e reattivo

  • Si chiamano Direct Collapse Black Holes e rappresentano un nuovo tipo di buchi neri che potrebbe essere osservato dal James Webb Space Telescope, perché in grado di andare abbastanza indietro nel tempo per osservare lo stadio iniziale di formazione delle galassie. Questo è quello che hanno trovato un gruppo di ricercatori, facendo la prima simulazione al mondo di questo genere che ha trovato la pistola fumante dei Dcbh. I risultati sono riportati su Nature Astronomy

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information