INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

La Torre della Specola.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr. Carlo Burigana
When:
17.05.2018 - 17.05.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 17 Maggio 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Carlo Burigana

   INAF - IRA, Bologna
 

 Joint perspectives from future CMB and radio projects: the case of cosmological reionization

 

ABSTRACT

The Planck satellite results support cosmological reionization scenarios almost compatible with astrophysical models for the evolution of structure, galaxy and star formation. However, the full understanding of the dawn age and of the reionization and thermal history since recombination epoch is still far to be consolidated. Given their relevance for the comprehension of early phases of structure formation and evolution and their connection with a large variety of astrophysical and cosmological questions, it is important to discriminate among the various models compatible with current data. The radio to sub-millimetre background provides a very important window for the comprehension of the involved photon and energy sources: CMB polarization sets global information of ionization history; 21-cm line tomographic view allows to reconstruct ionization and clumping history; CMB spectral distortions provide a direct view of the global energy dissipations. After a brief overview of the proposals of future CMB missions and of radio (namely the SKA and its precursor/pathfinders) projects, I will describe their scientific outcomes, focussing on the information carried out by CMB polarization anisotropies and spectral (absolute and dipole) distortions, and by the redshifted 21-cm line and free-free diffuse radio emission. Finally, I will discuss the contribution of future radio surveys to foreground mitigation for reionization studies with CMB polarization. 

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Inauguriamo con quest’intervista a Lorenzo Amati, principal investigator di Theseus, uno speciale in tre puntate dedicato alle missioni – Theseus, appunto, Spica ed EnVision – in corsa per la selezione M5 dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea

  • I protoni presenti nei nuclei degli atomi più pesanti sembrano avere in media più “vigore” dei neutroni, e questo proprio per il fatto di essere in minoranza. Fenomeno che dovrebbe dunque presentarsi ancora più marcato nelle stelle di neutroni. Lo studio oggi su Nature

  • Sono fino a mille volte più luminose della Via Lattea, ma oscurate da gas e polveri: gli astronomi le hanno chiamate Hot Dog. Per la prima volta, grazie a uno studio guidato da Luca Zappacosta dell'Inaf di Roma, possiamo vedere queste galassie in dettaglio nei raggi X

  • Al secondo tentativo è felicemente riuscito il lancio della sonda Nasa Parker Solar Probe, che studierà il Sole molto da vicino. Era presente anche il fisico che teorizzò 60 anni fa l’esistenza del vento solare, Eugene Parker, a cui la missione è dedicata

  • Perché siamo così affascinati dalla presenza di un lago sotterraneo sul Pianeta rosso? E come hanno fatto gli scienziati a individuarlo? Con il consenso dell'autrice, Patrizia Caraveo, vi riproponiamo quest'articolo apparso ieri sul Sole 24 Ore

  • Sono decenni che la Nasa cerca di raggiungere il Sole da vicino. Ora l'attesa è finita. La tecnologia è finalmente avanzata a sufficienza da permettere di realizzare ciò che fino a qualche anno fa era impossibile: spingersi con una sonda quasi a sfiorare la nostra stella. Gli obiettivi? Comprendere i meccanismi che regolano la corona e il vento solare

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information