INAF - Astronomical Observatory of Padova

INAF - Astronomical Observatory of Padova is one of the main structures of the National Institute of Astrophysics (INAF). The main activity of the Observatory is to perform scientific research in various  fields of Astrophysics. The Observatory also contributes to  advanced education, assists in the dissemination of knowledge and implements project of education and outreach of Astronomy.

Torre Orologio - Casa del Monizioniere.jpg

In evidenza

Print

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Event 

Title:
Seminario Dr. Mauro Sciarratta
When:
12.07.2018 - 12.07.2018
Where:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Category:
Seminario

Description

Seminars

Giovedi 12 Luglio 2018, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Mauro Sciarratta 

   Dipartimento di Fisica e Astronomia, UNIPD 
 

 COSMOLOGICAL INTERPRETATION OF THE COLOR-MAGNITUDE DIAGRAMS OF GALAXY CLUSTERS

 

ABSTRACT


M. Sciarratta, C. Chiosi, M. D'Onofrio, S. Cariddi - submitted to ApJ

The study of color-magnitude diagrams (CMD) of galaxy clusters and their galaxy content is of paramount importance to understand not only galaxy formation and evolution but also the same cosmogony of the Universe. Since the CMD diagnostic has been extended from stars and star clusters to integrated light of galaxies, it soon revealed a number of physical phenomena at work in differentiating isolated field galaxies from the strongly interacting ones inside clusters. However, understanding origin and global appearance of the Red Sequence, Green Valley and Blue Cloud inside this peculiar environment has still to improve. To this aim, we exploit single stellar populations and models of galaxy formation and evolution: we use the MonteCarlo technique and the halo mass function to derive formation redshift of each galaxy and its photometric history until redshift z=0. In this talk, I will show the global set-up of the model and the results of our analysis in comparison with data from the OMEGA-WINGS survey and from the Illustris cosmological simulation.

Venue

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Street:
vicolo dell'Osservatorio 2
ZIP:
35122
City:
Padova

Description

Sorry, no description available

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Il telescopio spaziale Hubble ha rilevato un’insolita emissione infrarossa proveniente da una stella di neutroni. Due sono le ipotesi al vaglio dei ricercatori: un disco di polvere che circonda la stella di neutroni, oppure un vento energetico proveniente dalla pulsar centrale. La scoperta e le due possibili interpretazioni per l'insolito ritrovamento sono state pubblicate su Astrophysical Journal

  • La Società italiana di fisica (Sif), il cui Congresso nazionale è in corso in questi giorni all’università della Calabria, ha assegnato il premio “Giuseppe Occhialini” a Elena Pian, astronoma dell’Istituto nazionale di astrofisica a capo del team che, per primo, ha ottenuto lo spettro della coalescenza di una coppia di due stelle di neutroni

  • Criovulcani hanno eruttato lungo tutta la storia di Cerere, ma tale continua attività non ha avuto lo stesso esteso impatto sulla superficie del pianeta nano che ha avuto il vulcanismo basaltico sulla Terra

  • Mappando il movimento orbitale di due nane brune, un team di ricercatori è stato in grado di determinare le loro masse. Si è così scoperto che possono arrivare ad avere una massa pari anche 75 volte quella di Giove, riducendo così la linea di separazione tra stelle e nane brune

  • All’Epsc, il Congresso europeo di planetologia in corso a Berlino, è stato presentato uno studio che, simulando scontri “mordi e fuggi” tra e protopianeti formati in diverse zone del sistema Solare, calcola che una buona parte dell’acqua dei pianeti rocciosi verrebbe proprio da questi incontri occasionali

  • Due articoli pubblicati di recente su Astronomy & Astrophysics, coordinati da Veronica Roccatagliata ed Elena Franciosini dell’Inaf di Arcetri, confermano la natura binaria di due ammassi stellari, misurando per la prima volta – grazie ai dati del satellite Gaia dell’Esa – la separazione spaziale fra i rispettivi subammassi

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information