NAME                        
CONTRACT FROM TO SUBJECT BUDGET
Lazzaretto Elena co.co.co (proroga) 01/01/2008 31/12/2008 Collaborazione tecnica con l’Ufficio Comunicazione e Immagine dell’INAF € 18.697,49
Nobili Luca co.co.co (propoga) 01/01/2008 31/12/2008 Collaborazione tecnica con l’Ufficio Comunicazione e Immagine dell’INAF 20.631,15
Saguner Tenay Co.co.co. 01/10/2007 31/12/2010

Rivedere lo stato dell’arte della spettrofotometria e sviluppare strategie di test - Ricercatrice Marie Curie (VI P.Q. E.L.S.A.)

118.265,62
Viotto Valentina Co.co.co. 02/05/2008 30/04/2011 Attività di ricerca nell’ambito del progetto “WATERFALL” (Fondi FIRB) 70.500,00
Magrin Demetrio Co.co.co 09/06/2008 08/06/2009 Attività tecnologica nell’ambito del progetto “WATERFALL” (Fondi FIRB) 33.643,00
Gardellin Claudia Prestazione
d’opera
professionale
28/11/2006 31/01/2009 Certificazione AUDIT obbligatoria dei costi relativamente al contratto MRTN-CT-2004-503929 dal titolo Multi-Wavelenght Analysis of Galaxy Population. 2.000,00
Cecco Serena Prestazione
d’opera
professionale
08/07/2008 15/10/2008 Docenza per corso di formazione dipendenti. 1.092,00
Conconi Paolo Prestazione
d’opera
occasionale
16/03/2009 20/03/2009 Corso di disegno ottico di strumentazione astronomica basato su ZEMAX per formazione dipendenti 1.500,00
Affolati Stefano Prestazione
d’opera
occasionale
20/02/2009 18/03/2009 Membro Commissione di gara d’appalto 1.200,00
Gruppo Temporaneo di Professionisti:
- Sartori Paolo
- Fiscon Mario
- Del Testa Federico
- Tuzzato Stefano
Prestazione
d’opera
professionale
04/11/2002 A collaudo dei lavori Progetto, direzione e contabilità dei lavori, coordinamento per la sicurezza relativo all’intervento di restauro e adeguamento funzionale dell’edificio denominato “Casa dell’Astronomo” nel Castello di Padova 36.150,00
Benetazzo Eugenio Prestazione
d’opera
professionale
26/06/2002 A collaudo dei lavori Supporto al Responsabile Unico del procedimento relativamente ai lavori di restauro della “Casa dell’Astronomo” 8.676,00
Cecco Serena Prestazione
d’opera
professionale
APR. 2009 LUG. 2009 Docenza per corso di inglese per formazione dipendenti. 1.092,00
Romanin Alessandro Prestazione
d’opera
professionale
01/04/2009 30/04/2009 Riproduzione digitale di testi eseguita presso la Biblioteca
Universitaria di Padova
707,20
Pinzan Giulio Prestazione
d’opera
occasionale
31/08/2009 31/08/2009 Analisi delle tolleranze optomeccaniche della stereo camera (STC) di SIMBIOSYS per la missione BepiColombo 2.000,00
Magrin Demetrio Co.co.co.
(rinnovo)
09/06/2010 08/06/2011 Attività tecnologica nell’ambito del progetto “WATERFALL” (Fondi FIRB) 42.608,86

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La Società italiana di fisica (Sif), il cui Congresso nazionale è in corso in questi giorni all’università della Calabria, ha assegnato il premio “Giuseppe Occhialini” a Elena Pian, astronoma dell’Istituto nazionale di astrofisica a capo del team che, per primo, ha ottenuto lo spettro della coalescenza di una coppia di due stelle di neutroni

  • Criovulcani hanno eruttato lungo tutta la storia di Cerere, ma tale continua attività non ha avuto lo stesso esteso impatto sulla superficie del pianeta nano che ha avuto il vulcanismo basaltico sulla Terra

  • Mappando il movimento orbitale di due nane brune, un team di ricercatori è stato in grado di determinare le loro masse. Si è così scoperto che possono arrivare ad avere una massa pari anche 75 volte quella di Giove, riducendo così la linea di separazione tra stelle e nane brune

  • All’Epsc, il Congresso europeo di planetologia in corso a Berlino, è stato presentato uno studio che, simulando scontri “mordi e fuggi” tra e protopianeti formati in diverse zone del sistema Solare, calcola che una buona parte dell’acqua dei pianeti rocciosi verrebbe proprio da questi incontri occasionali

  • Due articoli pubblicati di recente su Astronomy & Astrophysics, coordinati da Veronica Roccatagliata ed Elena Franciosini dell’Inaf di Arcetri, confermano la natura binaria di due ammassi stellari, misurando per la prima volta – grazie ai dati del satellite Gaia dell’Esa – la separazione spaziale fra i rispettivi subammassi

  • Resti brillanti del materiale rimasto dal processo di devolatilizzazione avvenuto sulla superficie di Mercurio forniscono nuove informazioni sulla storia della formazione del primo pianeta del Sistema solare. Lo mostra uno studio guidato da Alice Lucchetti dell'Inaf di Padova e pubblicato su “Journal of Geophysical Research: Planets”

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information