STAFF

Display # 
# Name Suburb Phone Position
41 Marongiu Laura Padova - Ala Sud Piano 2 049 8293 542 Funzionaria Amministrazione
42 Martorana Giorgio Cima Ekar 0424 462032 C.T.E.R.
43 Marziani Paola Padova - Ala Nord piano 2 049 8293 415 Astronoma Ricercatrice
44 Mazzei Paola Padova - Ala Nord piano 2 049 8293 514 Astronoma Ricercatrice
45 Mesin Silvia lun-mer-ven telelavoro 049 8293 466 / 0426 010022 Funzionaria Amministrazione
46 Moretti Alessia Padova - Monizioniere Piano 2 049 8293 423 Ricercatrice TD
47 Munari Ulisse Asiago 0424 600033 Astronomo Associato
48 Orio Marina Padova - Ala Nord piano 3 049 8293 436 Astronoma Ricercatrice
49 Padovano Giovanni Padova - Portineria 049 8293 452 Operatore Tecnico
50 Pajola Maurizio Padova - Ala Nord Piano 1 Ricercatore TD
51 Paoletti Lorenzo Padova - Ala Nord piano 2 049 8293 502 C.T.E.R.
52 Pastore Serena Padova - Ala Nord piano 3 049 8293 531 Tecnologa
53 Pastorello Andrea Padova - Monizioniere piano 2 049 8293 497 Ricercatore
54 Pernechele Claudio Padova - Ala Sud piano 4 049 8293 515 Astronomo Associato
55 Pescarolo Antonio Padova - Ala Sud piano 2 049 8293 405 Coll. Amministrazione
56 Petrella Amedeo Padova - Ala Nord piano 2 049 8293 530 C.T.E.R.
57 Poggianti Bianca Maria Padova - Monizioniere piano 2 049 8293 506 Dirigente di Ricerca
58 Radovich Mario Padova - Monizioniere piano 2 049 8293 524 Astronomo Ricercatore
59 Ragazzoni Roberto Padova - Ala Sud piano 1 049 8293 517 Direttore
60 Rampazzo Roberto Asiago 0424 600025 Astronomo Ricercatore

Page 3 of 4

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Un impatto fra il Pianeta rosso e un piccolo planetoide, grande quanto Cerere o Vesta, potrebbe essere all'origine di Phobos e Deimos. L’ipotesi è avvalorata da un nuovo studio del Southwest Research Institute pubblicato oggi su Science Advances

  • Uno studio della Boulder Colorado University indaga la natura di due formazioni a forma di ali nella galassia Ngc 6240. Si tratta di materiale espulso dalla galassia dal vento stellare e da due buchi neri supermassicci che presto si fonderanno. Il materiale mancante fa prevedere un minore tasso di formazione di nuove stelle.

  • Con un rapporto di contrasto di uno su cento milioni e uno spettrografo a campo integrale da 10mila pixel, la camera hi-tech sviluppata a UC Santa Barbara e al Caltech promette di produrre numerose immagini dirette di pianeti extrasolari. E funziona anche da sensore di fronte d’onda

  • Pronti per la pubblicazione i dati sullo spettro di 340mila stelle nella Via Lattea. Studiati con una precisione senza precedenti, permetteranno – assieme ai dati del telescopio spaziale europeo Gaia – la creazione del più completo atlante stellare mai creato

  • Nella remota galassia attiva Xid2028 un flusso notevole di materia si disperde nello spazio e impoverisce le riserve di gas nella galassia stessa, che nell’arco di dieci milioni di anni potrebbe non avere più la materia prima per forgiare nuove stelle. La scoperta vede protagonisti i ricercatori dell'Inaf

  • Nico Cappelluti, astrofisico romagnolo all’università di Miami, assieme ad altri ricercatori di università statunitensi potrebbe avere scoperto un segnale del decadimento di materia oscura. Lo studio, di cui avevamo già parlato, è ora in via di pubblicazione su The Astrophysical Journal

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information