OmegaCAM

Plot
Figure 1:OmegaCAM re-integration at the Paranal Observatory's Assembly Hall. The instrument housing (orange cylinder, on the right) is placed on its cart. The two cabinets on the left host the instrument electronics (except the detector system's front-end electronics).

OmegaCAM is the wide-field imager for the VLT Survey Telescope (VST), built by a Consortium of Research Institutes from Germany, The Netherlands and Italy in collaboration with  ESO.

It consists of a mosaic of 32 2K x 4K CCDs, that will cover the focal plane of the telescope with more that 256 million pixels. The main purpose of VST-OmegaCAM is to perform survey in support of the VLT scientific programme. Further, given the large FoV of the camera, it will be possible to perform research on rare or very peculiar objects. The Astronomical Observatory of Padova participates to the OmegaCAM Project with full responsibility on the Instrument Software and for the management of the documentation.

Construction and preliminary testing in Europe of OmegaCAM ended in 2006 with the completion of the Preliminary Acceptance Europe (PAE) awarded by ESO. In August 2008 the camera has been shipped to the VLT Observatory in Paranal (Chile) where is has been re-integrated and tested. Commissioning of the camera is now foreseen to take place in the second half of 2009.

People: A. Baruffolo, E. Cappellaro, L. Greggio

Collaboration: K. Kuijken (Leiden Univ., NL), R. Bender (Universität Sternwarte München, D), O. Iwert (ODT, ESO), E. Valentijn (Groningen Univ., NL), E. Cascone (INAF OA Capodimonte) 

Publications: 

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Firmato un protocollo d'intesa tra Miur, Regione, Università di Sassari e Istituto nazionale di fisica nucleare per candidare il sito di Sos Enattos. Il dicastero di viale Trastevere interverrà con fondi statali per 17 milioni di euro. L’interferometro di terza generazione si aggiungerà ai già funzionanti Ligo e Virgo

  • Il presidente dell'Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston visita il Sardinia Radio Telescope, dando corso alla Convenzione tra Inaf e Asi per l'utilizzo dell'antenna nel Deep Space Network della Nasa

  • Stelle di neutroni, nane bianche, stelle in formazione: tutte, raggiunte determinate condizioni, mostrano lo stesso comportamento, ovvero la capacità di espellere materia ad altissima velocità: un fenomeno noto con il nome di ”propeller”. A fornire prove di questa universalità è il lavoro di quattro ricercatori dell’Inaf

  • Un po’ come gemelli, le stelle di una galassia e il buco nero centrale sembrano crescere assieme, almeno per quanto riguarda la massa. Uno studio nippo-taiwanese con il radiotelescopio Alma ha però trovato una particolare galassia in cui questo meccanismo di feedback non avviene. Il commento di Michele Perna dell'Inaf

  • Utilizzando la telecamera ad infrarossi CanariCam installata sul Gran Telescopio Canarias, un gruppo di ricercatori ha realizzato una dettagliata mappa che rileva i campi magnetici dei gas e delle polveri che spiraleggiano attorno al buco nero supermassiccio al centro della nostro galassia

  • Sfruttando il lieve attrito della rarefatta atmosfera marziana, il Trace Gas Orbiter di ExoMars dell’Esa ha progressivamente abbassato la propria orbita attorno al pianeta, ed è ormai pronto per iniziare le operazioni scientifiche, in particolare la ricerca del metano

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information