Decommisioned instruments

Since 1973 four instruments have been mounted at the cassegrain focus of the 182 cm telescope.
Currently only two instruments are available. The characteristics of two decommissioned instruments are given below.

DIRECT CCD IMAGING CAMERA

At the Cassegrain focus an adapter is used with the CCD camera and the filters wheel for direct imaging.
The CCD camera consists of three main parts:

  • the cryostat with the CCD sensor
  • the analog-electronics
  • the control-system.

The control system is located in the Coude' room and is connected to the remaining parts through a 30 m link.
The whole system is controlled by the operator either from the Coude' room or from the dome room. Off-set guiding through an intensified TV-camera is possible both at the console in the dome and in the Coude' room. About 30 broad and narrow band filters are available at Ekar which are listed in table. When specifying a filter to be installed in the instrument, please use the Ekar number. The transmission curves of the filters are not given; these curves can be found in the Ekar Filter Inventory (in preparation), a copy of which exists in the Ekar library. The filters are classified according to their band width (broad or narrow) and to their central wavelength. The last column gives the starting wavelength of the red leak.

Table 1. Johnson and Cousin Filter

tabella filtri Yc

Table 2. Gunn Filters

tabella filtri gunn

Table 3. Interference Filters

BOLLER AND CHIVENS SPECTROGRAPH (B&C)

The Boller and Chivens spectrograph has been equipped with the "Dioptric Blue Galileo Camera" with a focal length of 188 mm and an off - axis parabola collimator with 90 mm of diameter and a focal length of 810 mm.
There is a comparison source, a hollow cathode Fe - Ar lamp, for wavelength calibration.
There are five gratings available for the B&C spectrograph with dispersion ranging from 42 A /mm to 339 A/mm. Gratings can be changed, but the spectrograph must be refocussed after every change. Refocussing can take up to 2 hours and it is therefore not recommended during the nights observing.
In the table the available gratings are shown together with their principal characteristics:  schema bc    

back

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Osservazioni ai raggi X della stella RW Aur A, nella costellazione del Toro, potrebbero spiegare il misterioso oscuramento periodico della stella come il risultato di successivi pasti a base di resti di giovani pianeti che si sono scontrati nelle sue vicinanze. Lo studio su The Astronomical Journal

  • Una nuova tecnica, sviluppata dai ricercatori dell’università di Ginevra, potrebbe consentire di trovare, nel giro di pochi mesi, pianeti con periodi di rivoluzione fino a diversi anni. Il metodo è descritto nella rivista Astronomy & Astrophysics

  • Si tratta di una radiogalassia ad alto redshift, cioè davvero molto distamte. Essendo oggetti rari e difficili da localizzare, gli esperti hanno quindi bisogno di effettuare osservazioni radio che coprano grandi aree di cielo. Lo studio è in uscita su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society

  • Prima luce per la nuova modalità di ottica adattiva, chiamata “tomografia laser”, del Very Large Telescope dell'Eso. Il nuovo sistema ha consentito di ottenere da terra immagini di prova straordinariamente nitide – più di quelle che riesce ad acquisire Hubble dallo spazio – del pianeta Nettuno, di alcuni ammassi di stelle e di altri oggetti.

  • Misurata per la prima volta la massa di Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole, con il metodo del microlensing gravitazionale, ottenendo così una misura precisa che ci permette di scoprire di più su questa stella e il pianeta che la accompagna. Media Inaf ha intervistato la prima autrice dello studio, l’astrofisica Alice Zurlo

  • Spettacolari conferme e un nuovo enigma. I risultati definitivi della missione Esa ratificano, con una precisione senza precedenti, la validità del modello standard della cosmologia. Con un’importante eccezione: l’esatto valore della costante di Hubble. È attorno a quel numero che osservazioni e modelli dovranno ora cimentarsi, ed è lì che potrebbe annidarsi la necessità di una nuova fisica

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information