The ACS Nearby Survey Treasury

hs-2008-35-a-web print
Figure 1:  Some of the galaxies imaged by ANGST, from the NASA press release STScI-PRC2008-35.

ANGST (ACS Nearby Galaxy Survey Treasury) is a HST Treasury Proposal aimed to directly measure the star formation history (SFH) of a complete volume-limited sample of nearby galaxies. The sample includes 69 galaxies within 4 Mpc, covering a 104 range in their luminosities, including both isolated and close galaxies, great spirals, irregulars an dwarf spheroidals. ANGST is complemented by the archival proposal ANGRRR (Archive of Nearby Galaxies: Reduce, Reuse, Recycle).

ANGST/ANGRRR has so far provided homogeneous multicolor photometry for more than 14 million stars in 69 galaxies (Dalcanton et al. 2009). It has found that massive spirals such as M81 have formed most of their stars more than 7 Gyr ago (Williams et al. 2009). It has been verified the consistency between several SFH indicators for young populations (Gogarten et al. 2009). The data analyses are being performed using Padova stellar evolutionary models and new tables of bolometric corrections, colour-temperature relations, and extinction coefficients in the HST photometric systems (Girardi et al 2008).

As the main optical survey has finished, data analysis proceeds and is being complemented by a series of observations at other wavelengths. Particularly interesting are the extensions to near-infrared, which allow a complete census of the red supergiants and asymptotic giant branch stars in these galaxies.

 

People: L. Girardi

Collaboration: J. Dalcanton (PI, Univ. Washington, Seattle), plus the ANGST-ANGRRR team, J. Melbourne (Caltech) and P. Marigo (Padova Univ.)

 Publications: Gogarten et al. (2009)  ApJ 691,115; Williams et al. (2009), AJ 137,419; Girardi et al. (2008), PASP 120,583; Dalcanton et al. (2009), ApJ, accepted;

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La missione è stata fondamentale nella raccolta di alcuni dati sul ghiaccio presente su Marte. Ora torna in vita in alcuni scatti di fine 2017

  • Scoperta nell’agosto del 2016, la supernova superluminosa Des16C2nm (la più lontana a oggi conosciuta) è stata ora oggetto d’analisi spettrale in ultravioletto. «Questi oggetti potrebbero diventare candele cosmologiche standardizzabili ben oltre il limite consentito dalle supernove Ia», dice a Media Inaf Andrea Pastorello dell'Inaf di Padova

  • Identificare la chiralità delle molecole è di importanza cruciale in molte applicazioni chimiche e farmaceutiche. Su Nature Physics è stato pubblicato uno studio che riporta un nuovo metodo con impulsi laser di durata estremamente breve per eccitare gli elettroni delle molecole in modo da rivelarne la preferenza rotazionale

  • La sonda Juno colpisce ancora: a ogni passaggio ravvicinato dell'atmosfera gioviana ci regala eccezionali scatti di nuvole, cirri e cumuli da un altro pianeta. Qui rielaborati dal citizen scientist Kevin M. Gill

  • È la più vicina super-Terra mai osservata tramite la tecnica della lente gravitazionale. A scoprirla, nella costellazione del Toro, durante alcune osservazioni condotte nella notte di Halloween dello scorso anno, è stato un team di scienziati guidato da ricercatori dell'Università del Salento associati Inaf e Infn

  • Gli animali notturni possono usare le stelle e la Via Lattea per orientarsi durante le ore più buie. Così suggerisce uno studio svedese, appena pubblicato sui ”Proceedings of the Royal Society B”, che fa il punto su questo filone di ricerca e individua nella tecnologia uno dei cardini per i suoi futuri sviluppi

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information