The Morphology of the Milky Way

Plot
Figure 1:The density map and contours of the R~7.3 kpc 2MASS red giant sample. One can trace by eye the warp signature. Over-plotted is also the location of the mean mid-plane warped disk as a function of longitude.

Characterizing the global Milky Way morphology is of fundamental importance in re-constructing its early formation epoch, particularly during the period of accretion of dwarf galaxies, which are thought to be the building blocks of massive galaxies.   In a recently published paper (Momany, Zaggia, Gilmore et al. 2006 link see also the A&A and INAF press release), we used the 2MASS catalogue covering the entire disk regions. We re-constructed the disk overall shape, focusing on the properties of warp (a downward bending in the first 2 quadrant and upward bending the second 2 quadrant) and flare (increasing disk thickness as a function of distance from the Galactic center).

Plot
Figure 2:The upper left panel displays the stellar warp as derived from 2MASS red giants at R~7.3kpc. In the lower left panel we compare the derived warp with those based on two red clump samples between 6

The resulting picture is one in which a strong warp signature is being observed already in the solar circle, and is detectable out to 24 Kpc from the Galactic center. Interestingly, the amplitude and phase-angle of this stellar-based derived warp show excellent agreement with the ones derived for the Milky Way interstellar dust and neutral atomic hydrogen. This agreement argues against recent claims that a dwarf galaxy is now being accreted in the Milky Way disk (the Canis Major dwarf galaxy). 

People: Y. Al Momany, S. Zaggia

Collaboration: G. Gilmore, F. De Angeli (Cambridge, UK), M. Lopez-Corredoira (Ins. de Astrofísica de Canarias, Spain), G. Piotto, G. Carraro (Padova Univ.)

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • In orbita stetta attorno a una stella a 650 anni luce da noi, il gigante gassoso ha una temperatura elevatissima: oltre 4000 gradi. La rilevazione dei metalli è avvenuta grazie allo strumento Harps-N del Tng. Fra gli autori dello studio, pubblicato oggi su Nature, c’è anche Emilio Molinari, direttore dell’Inaf di Cagliari

  • Inauguriamo con quest’intervista a Lorenzo Amati, principal investigator di Theseus, uno speciale in tre puntate dedicato alle missioni – Theseus, appunto, Spica ed EnVision – in corsa per la selezione M5 dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea

  • I protoni presenti nei nuclei degli atomi più pesanti sembrano avere in media più “vigore” dei neutroni, e questo proprio per il fatto di essere in minoranza. Fenomeno che dovrebbe dunque presentarsi ancora più marcato nelle stelle di neutroni. Lo studio oggi su Nature

  • Sono fino a mille volte più luminose della Via Lattea, ma oscurate da gas e polveri: gli astronomi le hanno chiamate Hot Dog. Per la prima volta, grazie a uno studio guidato da Luca Zappacosta dell'Inaf di Roma, possiamo vedere queste galassie in dettaglio nei raggi X

  • Al secondo tentativo è felicemente riuscito il lancio della sonda Nasa Parker Solar Probe, che studierà il Sole molto da vicino. Era presente anche il fisico che teorizzò 60 anni fa l’esistenza del vento solare, Eugene Parker, a cui la missione è dedicata

  • Perché siamo così affascinati dalla presenza di un lago sotterraneo sul Pianeta rosso? E come hanno fatto gli scienziati a individuarlo? Con il consenso dell'autrice, Patrizia Caraveo, vi riproponiamo quest'articolo apparso ieri sul Sole 24 Ore

Go to top

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information