Biblioteche degli Osservatori e altri enti di ricerca

Biblioteca dell'Osservatorio Astrofisico di Arcetri
Biblioteca "Guido Horn d'Arturo" del Dipartimento di Astronomia dell'Università di Bologna e dell'OsservatorioAstronomico
Biblioteca dell'Osservatorio Astronomico di Brera
Biblioteca dell'Osservatorio Astronomico di Cagliari
Biblioteca dell'Osservatorio Astrofisico di Catania
Biblioteca dell'INAF IRA Istituto di Radioastronomia
Biblioteca dell'Osservatorio Astronomico di Napoli - Capodimonte
Biblioteca dell'Osservatorio Astronomico di Palermo "Giuseppe S. Vaiana
Biblioteca dell'Osservatorio Astronomico di Teramo
Biblioteca dell'Osservatorio Astrofisico di Torino
Biblioteca dell'Osservatorio Astronomico di Trieste

 

AAO (Anglo - Australian Observatory) Library
Istituto de Astrofisica de Canarias Library
Biblioteche del CNR
The Dibner Library of the History of Science and Technology
ESO Libraries
Gemini Observatory JAC Online Library
Harvard - Smithsonian Center for Astrophysics - Wolbach Library
Biblioteche dell'INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
Lunar and Planetary Institute Library
Biblioteca Istituto e Museo di Storia della Scienza Firenze
Biblioteca del Museo di Storia della scienza - University of Oxford
US Naval Observatory Library
NOAO Library
NRAO Library
Bibliotheque - Observatoire de la Cote d'Azur
Bibliothèque de l'Observatoire de Paris
Royal Greenwich Observatory Archives
Royal Observatory Edinburgh Library
Royal Astronomical Society Library
Biblioteca della SISSA Scuola Internazionale di Studi Avanzati
STSci Library

 

 

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Questi oggetti unici nel nostro Universo racchiudono una massa pari a poco più di quella del Sole in una regione molto piccola, per questo hanno una densità enorme. Un gruppo di scienziati finlandesi è riuscito a definire con estrema precisione il raggio di una stella di neutroni

  • Il fulmine è un fenomeno atmosferico tanto usuale quanto ancora misterioso, sotto diversi aspetti. Una rete giapponese di rivelatori per raggi gamma ha ora svelato come i fulmini possano produrre radioisotopi e antimateria. Con il commento di Martino Marisaldi dell’Università di Bergen

  • Assodato che i led contribuiscono a non sprecare energia elettrica, gli esperti hanno dimostrato che, in alcuni casi, la ”luce del futuro” potrebbe incrementare l’inquinamento luminoso che invece si cerca di debellare. Un incremento che rischia di passare inosservato ai sensori di Viirs

  • Il rivelatore antartico di neutrini IceCube ha misurato per la prima volta la probabilità che i neutrini vengano assorbiti dalla Terra in funzione della loro energia e della quantità di materia attraversata. La misura è in accordo con il Modello Standard e apre, inoltre, la possibilità di analizzare l’interno del globo terrestre mediante queste sfuggenti particelle

  • Arriva dalla Bicocca, e in particolare dalla ricerca condotta da due esperti nella catalogazione delle frane presenti su Marte, un’ipotesi sul materiale che lubrifica lo scorrimento di ampi volumi di suolo marziano: il ghiaccio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio, Fabio De Blasio

  • Per piccina che lei sia, sempre una galassia è. Scoperto da un gruppo di astronomi tra cui Vincenzo Testa dell'Inaf il luogo dove è esplosa Sn2015J, uno tra gli eventi più luminosi nei raggi X mai osservati finora

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information