STUDI SULLA  VIA LATTEA

 

Lo studio delle componenti principali  della nostra Galassia (disco, alone,bulge, ammassi)  e'  di fondamentale importanza per capire la formazione e l'evoluzione delle galassie esterne, dato che nella Via Lattea le proprieta' delle varie componenti possono essere definite nel dettaglio, cosa che non e' possible nelle galassie esterne.

Progetti osservativi relativi alle proprieta' chimiche  e cinematiche di campioni selezionati di stelle di alone  e di disco spesso , la ricerca di stelle  estremamente povere di  metalli ,  in sinergia con lo studio dettagliato degli Ammassi Globulari permettono di definire  le proprieta' della popolazione piu' vecchia  nella nostra Galassia e i vari processi di merge e accrescimento dei quali la Galassia e' stata oggetto nella sua evoluzione . Questo include  la derivazione di età e metallicità accurate per stelle e  ammassi g lobulari e lo studio del ruolo dei processi di mixing  negli interni stellari dallo studio delle anomalie nelle abbondanze. Inoltre, il fenomeno delle popolazioni multiple negli ammassi globulari  e' fondamentale per  definirne  l'evoluzione e la formazione.

Il Bulge della nostra Galassia e' studiato da progetti  osservativi specifici concernenti la sua popolazione stellare, per determinare la distribuzione della sua età e metallicità.  Altre ricerche attive includono la ricostruzione della morfologia globale della Via Lattea dai conteggi stellari e lo studio della legge di estinzione lungo linee di vista per derivare in profondità le proprietà della polvere nella galassia.

Il metodo della sintesi di popolazione permette di  derivare le proprieta' a grande scala delle popolazioni stellari che formano la Via Lattea dallo studio dei diagrammi colore-magnitudine osservati e dai dati cinematici. La distribuzione delle stelle sul diagramma colore magnitudine riflette la Storia di Formazione Stellare; la loro posizione e la cinematica traccia invece la evoluzione dinamica. Queste informazioni sono combinate in un simulatore, usato come strumento per la ricostruzione delle struttura e evoluzione della Via Lattea.

Simulazioni di  conteggi stellari in ogni punto del cielo possono essere ottenuti interattivamente usando il codice TRILEGAL nel sito dell'Osservatorio. Il simulatore, che offre la possibilita' di scegliere il  sistema fotometrico, puo' essre usato sia per iterpetare dai osservativi esistenti che per lo studio di future survey. E' stato  usato da uno dei ricercatori di Padova per lo studio di dati dalla survey SDSS-III.

Una versione piu' sofisticata, Padova Galaxy Model,  include anche la simulazione della cinematica dei dischi e dell'alone.

La missione Cornerstone Gaia dell'ESA (lancio 2013) fornirà una visione senza precedenti della formazione ed evoluzione della nostra Galassia, fornendo la distribuzione nello spazio delle fasi e la metallicita' per piu' di un miliardo di stelle. Padova ha importanti responsabilità nel management del DPAC, il consorzio internazionale che gestisce l'analisi dei dati della missione e di cui fanno parte piu' di 400 ricercatori europei.  Il contributo scientifico si concentra sul problema della derivazione dei parametri fondamentali delle stelle, che confluiranno nel catalogo finale dei dati Gaia.

Gaia ha una limitata capacità spettroscopica, permettendo di derivare le abbondanze chimiche e le velocita' radiali solo per le stelle piu' brillanti (G< 11 e G< 16 rispettivamente). Per integrare queste misure, un team di 300 ricercatori internazionali ha proposto la  Gaia-ESO Public Spectroscopic Survey, a cui ESO ha garantito 300 notti osservative. La survey derivera' metallicita' e velocita' radiali fino alla G=19 per stelle di campo e ammassi aperti, usando dati FLAMES (Giraffe + UVES) al VLT, per avere uno studio omogeneo di tutte le popolazioni galattiche.  OAPd si e' caratterizzato fin dall'inizio come uno degli Istituti proponenti e  leader nel progetto (insieme a Firenze, Bologna).

 L'Osservatorio e' coinvolto nella survey RAVE, che ha ottenuto spettri di stelle brillanti e ad altra latitudine galattica nello stesso range spettrale della missione Gaia. L'obbiettivo primario della survey e' la misura delle velocita' radiali e delle abbondanze chimiche. Un gruppo di ricercatori in OAPd e' responsabile della riduzione e calibrazione dei dati e della validazione dei parametri atmosferici tramite osservazioni al NTT e ATT.

Un campione di stelle di Red Clump, estratto dal catalogo Hipparcos, è l'obiettivo della survey spettroscopica ARCS ai telescopi di Asiago. Accoppiando le informazioni astrometriche, cinematiche e fotometriche si forniranno importanti indicazioni per gli studi di struttura e dinamica galattica. Questa e altre ricerche beneficiano dello sviluppo di una libreria di di spettri stellari sintetici, i quali coprono una banda in lunghezza d'onda da 2500 a 10500 A e con diversi valori di risoluzione spettrale. Questa libreria costituisce la base di dati di referimento per l'analisi automatizzata di survey spettrali.

 

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Il board della National Science Foundation ha dato il via libera al mantenimento in vita dell’Osservatorio, assicurando così il proprio finanziamento – seppur con una progressiva riduzione piuttosto drastica – alle attività scientifiche del grande radiotelescopio

  • Che la velocità della luce nel vuoto fosse la stessa per tutti i fotoni è da sempre uno dei pilastri della fisica e della relatività. Ma alcune teorie alternative non la vedono così. I risultati dello studio di un gruppo di ricercatori guidato da Maria Grazia Bernardini forniscono un nuovo limite sull'energia dei fotoni oltre il quale gli effetti di gravità quantistica diventano importanti

  • Questi oggetti unici nel nostro universo racchiudono una massa pari a poco più di quella del Sole in una regione molto piccola, per questo hanno una densità enorme. Un gruppo di scienziati finlandesi è riuscito a definire con estrema precisione il raggio di una stella di neutroni

  • Il fulmine è un fenomeno atmosferico tanto usuale quanto ancora misterioso, sotto diversi aspetti. Una rete giapponese di rivelatori per raggi gamma ha ora svelato come i fulmini possano produrre radioisotopi e antimateria. Con il commento di Martino Marisaldi dell’Università di Bergen

  • Assodato che i led contribuiscono a non sprecare energia elettrica, gli esperti hanno dimostrato che, in alcuni casi, la ”luce del futuro” potrebbe incrementare l’inquinamento luminoso che invece si cerca di debellare. Un aumento che rischia di passare inosservato ai sensori di Viirs

  • Il rivelatore antartico di neutrini IceCube ha misurato per la prima volta la probabilità che i neutrini vengano assorbiti dalla Terra in funzione della loro energia e della quantità di materia attraversata. La misura è in accordo con il Modello Standard e apre, inoltre, la possibilità di analizzare l’interno del globo terrestre mediante queste sfuggenti particelle

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information