POPOLAZIONE STELLARE IN GALASSIE VICINE

 

La profonda esperienza nel campo dell'evoluzione stellare all'Osservatorio di Padova costituisce una solida base per applicazioni nell'ambito dello studio delle popolazioni di stelle risolte in galassie esterne. All'OAPd vengono sviluppati vari progetti sia per studiare il processo di formazione stellare per se, sia per misurare la storia di formazione stellare in sistemi per i quali sia
possibile costruire i Diagrammi Colore-Magnitudine delle stelle. Questi studi vengono condotti sia dal punto di vista teorico che sperimentale, attraverso l'uso dei telescopi piu' potenti attualmente disponibili (HST, VLT).

Le modalita' con cui si esplica il processo di formazione stellare vengono studiate misurando la distribuzione di età delle stelle di campo e degli ammassi nelle Nubi di Magellano e paragonando la storia di formazione stellare derivata in diverse zone di queste galassie alla distribuzione spaziale del gas atomico e molecolare. Alcuni ricercatori all'OAPd studiano
l'intero sistema Magellanico, con la finalita' di mettere in relazione gli episodi di formazione stellare con le interazioni tra la Via Lattea e le Nubi di Magellano, focalizzandosi sulle eta' e sulla cinematica delle stelle nel Ponte Magellanico. Altri ricercatori lavorano alla survey VMC, un progetto volto a ottenere immagini infrarosse di grande profondita' e risoluzione della gran parte del sistema Magellanico, utilizzando il telescopio VISTA.

Anche le popolazioni stellari nella galassia di Andromeda sono oggetto di indagini sia fotometriche che spettroscopiche, principalmente con la finalita' di derivare la storia di formazione stellare e di assemblaggio di questa galassia, per poi paragonare il suo percorso evolutivo a quello della nostra galassia.

Un gruppo di ricercatori all'OAPd si occupa di portare avanti un progetto di studio sistematico delle popolazioni stellari in galassie nane vicine, con il fine ultimo di verificare le predizioni dei modelli di formazione di struttura gerarchica, specialmente in relazione alla formazione stellare ritardata nelle buche di potenziale meno profonde. Il Gruppo Locale e' un laboratorio ottimale in cui condurre questo tipo di studi, con galassie nane irregolari e sferoidali, e con anche oggetti di transizione. Galassie nane dei diversi tipi morfologici sono oggetto di indagini sia fotometriche che spettroscopiche; con questi dati si studiano anche le possibili relazioni evolutive tra loro. La storia di formazione stellare viene derivata da diversi traccianti: stelle variabili (RR Lyare) per la componente piu' vecchia, stelle al Carbonio e stelle Blu per le componenti a eta' intermedia e recente. In particolare, la produzione di stelle al Carbonio in funzione dell'eta' e della metallicita' viene studiata dal punto di vista empirico attraverso appositi programmi sperimentali. Alcuni ricercatori si occupano di appurare la natura delle stelle blu nelle galassie sferoidali, cioe' se traccianti affidabili di formazione stellare recente, o piuttosto risultato dell'evoluzione di binarie strette di piccola massa, cioe' di eta' avanzata.

La formazione stellare in galassie nane è studiata anche in oggetti al di fuori del Gruppo Locale, utilizzando la Advanced Camera for Surveys sul telescopio Hubble. Queste ricerche si concentrano su oggetti con intensa attività di formazione stellare; le loro proprietà, cioe' la bassa metallicita' e alto contenuto di gas, assomigliano molto a quelle proprie delle galassie nell'Universo Giovane. Infine, alcuni ricercatori dell'OAPd partecipano al progetto ANGST, con la finalità di derivare la storia di formazione stellare in un campione di galassie limitato in Volume usando l'ACS sul telescopio Hubble.

 

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Caldo, insetti e ore interminabili di lavoro: questo e molto altro è lavorare nell'Outback in Australia Occidentale. Tutto per installare antenne a bassa frequenza del progetto Square Kilometre Array. Sono le prime 256 di 130mila e l'installazione verrà completata nei prossimi anni. L'Italia è uno dei partner principali del consorzio che si occupa di queste antenne, dalla simpatica forma ad albero di Natale

  • L'aggiunta di Apex all’Event Horizon Telescope rivela nuovi dettagli nella struttura asimmetrica e non puntiforme della sorgente Sgr A * al centro della Via Lattea. Il miglioramento della risoluzione angolare conseguito grazie ad Apex rivela ora dettagli dell’ordine di 36 milioni di km: dimensioni che sono solo 3 volte più grandi dell'ipotetica dimensione del buco nero (3 raggi di Schwarzschild). Tutti i dettagli su The Astrophysical Journal.

  • Questo specchio fungerà da "occhio" per il network di radio antenne MeerKat, uno dei precursori del progetto Square Kilometre Array, e si aggiunge agli strumenti presenti nel deserto Karoo in Sudafrica

  • Il rover della Nasa ha perforato con successo un buco profondo circa cinque centimetri sul suolo marziano e raccolto un campione di polvere di roccia. Si tratta del primo campione ottenuto con il trapano da quando il sistema di perforazione aveva smesso di funzionare

  • Un team di astronomi guidato da Raffaella Anna Marino e Sebastiano Cantalupo del Politecnico di Zurigo ha recentemente scoperto, grazie a quasar impiegati come ”fari cosmici”, dieci galassie primitive e povere di stelle

  • L'atmosfera della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è tutt'altro che omogenea. Oltre agli improvvisi scoppi di gas e polvere, all’alba si possono osservare fenomeni ricorrenti, quotidiani, dove il gas sublimato e la polvere da lui trascinata, si concentrano per formare strutture a forma di getti. Un nuovo studio Nature Astronomy identifica nella strana forma della cometa la causa principale di questi getti

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information