AMMASSI DI GALASSIE

 

Gruppi e ammassi di galassie sono gli oggetti virializzati più massicci
dell'Universo, e contengono piu' della metà di tutte le galassie oggi.
Sono laboratori importanti per studiare l'evoluzione delle popolazioni di galassie, e sono utili come "sonde" cosmologiche. 
All'OAPd si stanno portando avanti tre progetti specifici riguardanti ammassi e gruppi di galassie: WINGS ha creato un dataset multi-lunghezzad'ona di alta qualità for galassie in un ampio campione di ammassi vicini
ben selezionati; la PM2GC e' un nuovo catalogo di gruppi, sistemi binari e galassie singole nell'Universo locale con dati fotometrici e 
spettroscopici di qualita', e BUDHIES e' una survey HI e multibanda di galassie in due superammassi z z~0.2.

WINGS ha ottenuto fotometria integrata e di apertura (bande B e V) di ~400000 galassie in 77 ammassi, che ha permesso di ottenere fotometria superficiale e morfologie per ~45000 galassie; fotometria U, J e K per un sottocampione di ammassi, e spettroscopia ottica e nuovi redshifts per circa 6000 galassie. I risultati ottenuti finora da WINGS includono studi dell'evoluzione del piano fondamentale e della
distribuzione di ellitticità delle galassie early-type, studi delle proprietà delle Brightest Cluster Galaxies, di morfologie, funzioni stellari di massa, frequenza e proprietà delle galassie superdense, sequenza rossa nel diagramnma colore-magnitudine e storia di
formazione stellari.

La PM2GC, basata sull'ottimo imaging e la copertura spettroscopica di alta completezza del Millennium Galaxy Catalogue, ha fornito magnitudini,masse stellari, morfologie, dimensioni, parametri di fotometria superficiale, tassi e storie di formazione stellare for un campione completo di galassie a z=0.04-0.1. I risultati della PM2GC finora ottenuti includono lo studio della distribuzione delle morfologie galattiche e delle funzioni di massa nei gruppi, nei sistemi binari e nelle galassie singole e in funzione
della densita' locale, la frequenza delle galassie superdense e la relazione massa-raggio a basso redshift e le proprieta' delle popolazioni stellari dei diversi tipi di galassie nei diversi ambienti.

BUDHIES is la prima survey a studiare il gas idrogeno neutro in galassie a z~0.2, un redshift dove gli effetti evolutivi cominciare ad essere
apprezzabili. Basato su un large programme ultra-profondo con il Westerbork Synthesis Radio Telescope, BUDHIES include anche fotometria profonda ottica, GALEX, Spitzer e Herschel e spsttroscopia ottica.
I due campi della survey contangono due ammassi di galassie (A2192 e A963) e un'area di 12X12 Mpc nel cielo per una profondita' di 328Mpc, campionando i dintorni dei clusters, gruppi, filamenti e voids. I risultati di BUDHIES includono al momento una caratterizzazione dettagliata del primo campo, A2192, l'identificazione di quattro sottostrutture dentro il sistema principale, e uno studio dettagliato
del contenuto di gas HI, formazione stellare, morfologia e massa nelle galassie delle diverse sottostrutture.

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Nella notte del 4 febbraio prossimo un asteroide del diametro di circa 500 metri raggiungerà la minima distanza dalla Terra, a oltre dieci volte lo spazio che ci separa dalla Luna. Rischio zero per impatti o interazioni con il nostro ambiente planetario. Facilità di osservazione? Molto bassa, la sua luminosità non lo renderà visibile ad occhio nudo

  • Senza muoversi dal loro laboratorio, analizzando gli isotopi di alcune meteoriti, un team di ricercatori della Carnegie University è tornato indietro di 4,6 miliardi di anni per studiare in quanto tempo si formino i grani di polvere dopo le violente esplosioni di stelle

  • Per spiegare come possano le braccia delle galassie a spirale Infrangere la terza legge di Keplero si ipotizzano la dark matter o una correzione della seconda legge di Newton. Un team internazionale composto da ricercatori dell'Isc-Cnr e del Laboratoire de Physique Nucleaire et de Hautes Energies di Parigi apre la strada a ipotesi diverse

  • Uno studio uscito oggi su Nature, basato sull’analisi di un campione di 12 sistemi binari X di piccola massa, indaga i meccanismi e l’impatto delle emissioni di materia dai buchi neri stellari

  • La stazione spaziale cinese TianGong 1 è ormai prossima al rientro incontrollato in atmosfera, previsto attorno alla prima metà di marzo. Ne parliamo con Alberto Buzzoni, coordinatore scientifico del progetto Prisma, la cui rete italiana di camere per lo studio delle meteore tenterà di seguire l’evento

  • Il satellite cinese Micius ha permesso di dimostrare la fattibilità concreta di un collegamento internet intercontinentale ultra-sicuro facendo comunicare Pechino con Graz, in Austria, attraverso un sistema di crittografia quantistica basato sulla trasmissione di un singolo fotone

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information