AMMASSI DI GALASSIE

 

Gruppi e ammassi di galassie sono gli oggetti virializzati più massicci
dell'Universo, e contengono piu' della metà di tutte le galassie oggi.
Sono laboratori importanti per studiare l'evoluzione delle popolazioni di galassie, e sono utili come "sonde" cosmologiche. 
All'OAPd si stanno portando avanti tre progetti specifici riguardanti ammassi e gruppi di galassie: WINGS ha creato un dataset multi-lunghezzad'ona di alta qualità for galassie in un ampio campione di ammassi vicini
ben selezionati; la PM2GC e' un nuovo catalogo di gruppi, sistemi binari e galassie singole nell'Universo locale con dati fotometrici e 
spettroscopici di qualita', e BUDHIES e' una survey HI e multibanda di galassie in due superammassi z z~0.2.

WINGS ha ottenuto fotometria integrata e di apertura (bande B e V) di ~400000 galassie in 77 ammassi, che ha permesso di ottenere fotometria superficiale e morfologie per ~45000 galassie; fotometria U, J e K per un sottocampione di ammassi, e spettroscopia ottica e nuovi redshifts per circa 6000 galassie. I risultati ottenuti finora da WINGS includono studi dell'evoluzione del piano fondamentale e della
distribuzione di ellitticità delle galassie early-type, studi delle proprietà delle Brightest Cluster Galaxies, di morfologie, funzioni stellari di massa, frequenza e proprietà delle galassie superdense, sequenza rossa nel diagramnma colore-magnitudine e storia di
formazione stellari.

La PM2GC, basata sull'ottimo imaging e la copertura spettroscopica di alta completezza del Millennium Galaxy Catalogue, ha fornito magnitudini,masse stellari, morfologie, dimensioni, parametri di fotometria superficiale, tassi e storie di formazione stellare for un campione completo di galassie a z=0.04-0.1. I risultati della PM2GC finora ottenuti includono lo studio della distribuzione delle morfologie galattiche e delle funzioni di massa nei gruppi, nei sistemi binari e nelle galassie singole e in funzione
della densita' locale, la frequenza delle galassie superdense e la relazione massa-raggio a basso redshift e le proprieta' delle popolazioni stellari dei diversi tipi di galassie nei diversi ambienti.

BUDHIES is la prima survey a studiare il gas idrogeno neutro in galassie a z~0.2, un redshift dove gli effetti evolutivi cominciare ad essere
apprezzabili. Basato su un large programme ultra-profondo con il Westerbork Synthesis Radio Telescope, BUDHIES include anche fotometria profonda ottica, GALEX, Spitzer e Herschel e spsttroscopia ottica.
I due campi della survey contangono due ammassi di galassie (A2192 e A963) e un'area di 12X12 Mpc nel cielo per una profondita' di 328Mpc, campionando i dintorni dei clusters, gruppi, filamenti e voids. I risultati di BUDHIES includono al momento una caratterizzazione dettagliata del primo campo, A2192, l'identificazione di quattro sottostrutture dentro il sistema principale, e uno studio dettagliato
del contenuto di gas HI, formazione stellare, morfologia e massa nelle galassie delle diverse sottostrutture.

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • L’hanno vista in tanti, tantissimi, dal nord al sud del Paese. E due camere del progetto Prisma, quella di Trieste e quella di Capua, sono riuscite a immortalarla: è la “super stella cadente” che ha solcato i cieli della Penisola alle 20:55:32 del 18 agosto. Se l’avete vista anche voi, gli astronomi attendono la vostra segnalazione

  • Scoperto nel 2010, l’asteroide della fascia principale 2010 CV60 era stato dedicato – dall’astronoma dell'Agenzia spaziale statunitense Amy Mainzer – alla cantautrice scomparsa ieri, giovedì 16 agosto, all’età di 76 anni

  • È dallo scorso 10 giugno che il rover Opportunity della Nasa non dà segni di vita. Ma la tempesta di polvere che lo ha costretto all’isolamento sembra placarsi, e i tecnici della missione si preparano a tentare di ristabilire un collegamento

  • In orbita stetta attorno a una stella a 650 anni luce da noi, il gigante gassoso ha una temperatura elevatissima: oltre 4000 gradi. La rilevazione dei metalli è avvenuta grazie allo strumento Harps-N del Tng. Fra gli autori dello studio, pubblicato oggi su Nature, c’è anche Emilio Molinari, direttore dell’Inaf di Cagliari

  • Inauguriamo con quest’intervista a Lorenzo Amati, principal investigator di Theseus, uno speciale in tre puntate dedicato alle missioni – Theseus, appunto, Spica ed EnVision – in corsa per la selezione M5 dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea

  • I protoni presenti nei nuclei degli atomi più pesanti sembrano avere in media più “vigore” dei neutroni, e questo proprio per il fatto di essere in minoranza. Fenomeno che dovrebbe dunque presentarsi ancora più marcato nelle stelle di neutroni. Lo studio oggi su Nature

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information