INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

250_visite.gif
Rassegna per le Celebrazioni dei 250 anni della Specola

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
Visite serali al Museo La Specola per i 250 anni
Quando:
21.03.2017 - 21.03.2017
Dove:
Museo La Specola INAF Padova - Padova
Categoria:
Per il pubblico

Descrizione

Visite serali al Museo la Specola per i 250 anni

(5 turni di visita dalle 20.00 - accesso a pagamento con acquisto anticipato del biglietto presso l'Oratorio di San Michele)

Il 21 Marzo 2017 alle ore 12:19:39 avrà ufficialmente inizio la Rassegna celebrativa dei 250 anni dell’Osservatorio Astronomico di Padova.

VISITE SERALI

La giornata d’inaugurazione si concluderà con l’evento serale ‘250 candeline per la Specola’:  alle ore 20:00 prenderanno avvio delle speciali visite guidate a pagamento al Museo La Specola, a lume di candela e di torcia elettrica: il percorso museale e le sale della Specola saranno illuminate da 250 candeline e da lanterne, che creeranno dei piacevoli giochi di chiaro-scuro evocativi della bellezza del cielo stellato, mentre i visitatori saranno forniti di torce ricaricabili per effettuare in sicurezza il tragitto museale.

I turni di visita sono programmati alle ore 20 – 20:30 – 21 – 21:30 – 22 (5 turni).

Biglietto unico: 8 euroPer queste visite è necessario acquistare in anticipo il biglietto, a partire da sabato 11 marzo, presso l’Oratorio di San Michele nei seguenti orari: sabato e domenica dalle 15.00 alle 18.00, dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 13.00. Per tutta la durata dell’evento serale, i curatori della mostra resteranno a disposizione del pubblico per illustrarla, al termine del relativo turno di visita, e per rispondere a domande e curiosità.

 

Sede

Venue:
Museo La Specola INAF Padova
Via:
vicolo osservatorio 5
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Si chiama LP 40-365 ed è una nana bianca anomala: molto leggera, molto veloce, dalla composizione strana. Esattamente quel che ci si attende come residuo di una supernova “Iax”, un tipo di deflagrazione debole scoperto di recente. Lo studio esce oggi su Science

  • L’Agenzia spaziale europea ha appena pubblicato una mappa con i colori di quasi 20 milioni di stelle. Ed è solo l’antipasto: l’uscita del ”catalogo cromatico” completo, con oltre un miliardo di sorgenti censite, è in programma per la primavera 2018

  • Osservando con il Vlt dell’Eso sette "galassie medusa”, un team internazionale di astronomi guidato da Bianca Poggianti dell’Inaf di Padova ha scoperto un processo, fino a oggi sconosciuto, attraverso il quale i buchi neri supermassicci si nutrono e si attivano. Il meccanismo all’origine dei “tentacoli” di gas che danno il nome a queste galassie sarebbe lo stesso che instrada il gas verso le regioni centrali delle galassie, alimentando i buchi neri annidati nel loro cuore e rendendoli così luminosi

  • Sulla Terra brucerebbe ogni record, ma nello spazio è una normale eruzione di plasma dal Sole, come ne accadono tante. Assolutamente singolare è invece il fatto che il suo passaggio sia stato registrato da ben dieci veicoli spaziali variamente dislocati nel Sistema solare

  • Compie quarant'anni il "Segnale Wow!", il più famoso segnale radio di origine sconosciuta mai ricevuto. Fu ET che provò a chiamarci, o semplicemente una trasmissione di origine naturale? Ripercorriamo insieme gli eventi dell'estate del 1977

  • Nell’universo primordiale, la materia oscura potrebbe aver attraversato una fase d’instabilità, sufficiente a spiegarne l’abbondanza attuale. La teoria, descritta su Physical Review Letter, potrebbe essere sottoposta a verifica sperimentale, dice a Media Inaf uno degli autori, Michael Baker

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information