INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

Stazione osservativa Cima Ekar.jpg

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
75 anni del telescopio Galileo all'Osservatorio Astrofisico di Asiago
Quando:
30.09.2017 - 30.09.2017
Dove:
Sede di Asiago Pennar - INAF Padova - Asiago (VI)
Categoria:
Per il pubblico

Descrizione

Sabato 30 settembre, ad Asiago, si festeggiano i 75 anni del Telescopio Galileo! Il programma che prevede un incontro al Teatro Millepini e poi un Open Day all’Osservatorio Astrofisico di Asiago è in calce a questa pagina.

Scarica la locandina ufficiale dell’evento

Il 27 maggio 1942 fu inaugurato il telescopio Galileo all’Osservatorio Astrofisico di Asiago, all’epoca il più grande in Europa, costruito interamente dalle Officine Galileo di Firenze. Correvano i 300 anni dalla morte di Galileo Galilei, che dal 1592 al 1610 lavorò a Padova dove, a partire dal 1777, le osservazioni astronomiche vennero fatte dalla Specola, sede del nuovo Osservatorio Astronomico dell’Università patavina. L’aumento dell’inquinamento luminoso aveva però costretto gli astronomi a portare nel 1942 la sede osservativa sull’altopiano di Asiago.

Giovanni Silva ebbe la grande intuizione di dotare il telescopio anche di uno spettrografo a prismi, conservato nel MUseo degli Strumenti dell’Astronomia – MUSA. Fino al 1991 era possibile utilizzare il telescopio sia per riprendere immagini (nell’archivio sono conservate quasi 10.000 le lastre fotografiche) che spettri. Dal 1992 è possibile solo la ripresa di spettri in bassa e media risoluzione.

Il telescopio Galileo è operativo da ben 75 anni consecutivi, durante i quali si è distinto per studi internazionali, in particolare nel campo delle stelle variabili. In questi ultimi anni è stato impegnato: nella ricerca di novae e supernovae, stelle simbiotiche, transienti, AGN; nello studio di stelle peculiari nell’ambito della survey RAVE; nello sviluppo di nuove strumentazioni come IQUEYE (studio di fenomeni di ottica quantistica); nella didattica (Il Cielo come laboratorio) e nella divulgazione (Notte da astronomo).

Da alcuni anni è stato sviluppato il controllo remoto del telescopio, il quale può essere utilizzato anche da Padova, ma teoricamente da qualsiasi luogo con una buona connessione a internet.

È quindi importante festeggiare i 75 anni di attività, che coincidono con i 250 anni della fondazione della Specola di Padova, aprendo l’Osservatorio Astrofisico di Asiago per visite guidate e conferenze che ricordino i risultati e gli sforzi che sono stati fatti in tutti questi anni.

Programma della cerimonia per i 75 anni di attività del telescopio Galileo

10.00-10.15: Saluti del Rettore (o suo delegato) e del Sindaco di Asiago (o suo delegato)

10.15-10.40: Introduzione generale dei Direttori DFA e INAF Padova

10.40-11.00: Piero Rafanelli (professore ordinario dell’Università di Padova)

11.00-11.20: Giampaolo Piotto (coordinatore del corso di dottorato dell’Università di Padova)

11.20-11.40: Giampaolo Preti: Officine Galileo: il punto di vista del costruttore del telescopio

11.40-12.00: Annamaria Dal Sasso: ricordi del padre e del nonno che hanno edificato le strutture dell’osservatorio

12.00-12.20: Antonio Bianchini (professore dell’Università di Padova)

13.00: rinfresco a cura dell’istituto alberghiero

16.00-22.00: open day all’Osservatorio Astrofisico di Asiago, stazione del Pennar, con visite guidate gratuite alla cupola del telescopio Galileo ogni 30 minuti.

Sede

Venue:
Sede di Asiago Pennar - INAF Padova   -   Sito web
Via:
Località Pennar - via dell'Osservatorio 8
Cap:
36012
Città:
Asiago (VI)
Paese:
Paese: it

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Nel centro storico di Macerata, nelle Marche, una grande iniziativa di divulgazione astronomica: 60 appuntamenti e 45 relatori nell’arco di quattro giornate, dedicate ciascuna a un tema specifico: pianeti, onde gravitazionali, Luna e near-Earth objects

  • Come immagine della settimana l’Eso ha scelto una suggestiva fotografia di Yuri Beletsky. Raffigura la costellazione di Orione al di sopra dell’esile passerella che collega il telescopio di 3,6 metri dell'Eso al Coudé Auxiliary Telescope, entrambi situati a La Silla, in Cile

  • Nei giorni scorsi è scomparso, dopo una lunga malattia, il fisico e cosmologo Giuseppe “Bepi” Tormen dell’Università di Padova. Pubblichiamo il ricordo scritto dall’astrofisico Luigi Guzzo, suo collega e amico da sempre

  • I ricercatori hanno identificato 121 esopianeti giganti che potrebbero avere satelliti naturali abitabili: esolune potenzialmente in grado di offrire un ambiente favorevole alla vita, forse persino migliore della Terra. Lo studio su The Astrophysical Journal

  • Un nuovo studio franco-cinese mette in dubbio la necessità di contemplare l’effetto di una materia oscura per spiegare i moti stellari delle piccole galassie con poche stelle che si trovano in prossimità della Via Lattea

  • Il raro fenomeno che porta alla disgregazione delle stelle è noto come evento di distruzione mareale e si verifica quando una stella viene catturata dal buco nero supermassiccio tramite la sua invincibile attrazione gravitazionale. Non c'è scampo: l'oggetto viene fatto a pezzi e addio stella. Lo studio è stato pubblicato oggi su Science. Il commento di Marco Bondi dell'Inaf di Bologna

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information