INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova.jpg

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
seminario Dr. ssa Talvikki Hovatta
Quando:
23.11.2017 - 23.11.2017
Dove:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Categoria:
Seminario

Descrizione

Seminars

Giovedi 23 Novembre 2017, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Talvikki Hovatta

  Università di Turku 

 

                              Magnetic fields around relativistic jets

 

ABSTRACT

Relativistic jets, where the plasma travels near the speed of light, are seen to emanate from supermassive black holes in the centers of active galaxies. Despite decades of observations, we still do not know how exactly these jets are launched, but according to simulations and analytic studies, magnetic fields are thought to play a significant role in the process. 3C273 is one of the brightest quasars in the sky over the entire electromagnetic spectrum. It is relatively nearby with a redshift of z=0.158, and was the first radio source whose emission lines were noted to be at high redshift. Its parsec-scale jet is well resolved in Very Long Baseline Array (VLBA) observations, which allowed Asada et al. (2002) to detect the first Faraday rotation measure  gradient transverse to the jet, indicative of a helical magnetic field around the parsec-scale jet. VLBA observations at 43 and 86 GHz have also revealed a very high rotation measure (RM) of 10^4 rad/m^2 between its two innermost jet components (Attridge et al. 2005), making 3C273 one of the most interesting objects for studying the magnetic fields at the base of the jet. I will present recent observations taken at 1mm wavelength with ALMA, where we detect a very high Faraday rotation of >10^5rad/m^2 across the band.  We model the Faraday rotation and frequency-dependent polarization behaviour to distinguish between different Faraday rotation models. I will also discuss how radio polarization observations using both VLBA and ALMA can reveal the magnetic field structure around relativistic jets, and how these observations can be connected to theory of jet formation.

Sede

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Via:
vicolo dell'Osservatorio 2
Cap:
35122
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La Società italiana di fisica (Sif), il cui Congresso nazionale è in corso in questi giorni all’università della Calabria, ha assegnato il premio “Giuseppe Occhialini” a Elena Pian, astronoma dell’Istituto nazionale di astrofisica a capo del team che, per primo, ha ottenuto lo spettro della coalescenza di una coppia di due stelle di neutroni

  • Criovulcani hanno eruttato lungo tutta la storia di Cerere, ma tale continua attività non ha avuto lo stesso esteso impatto sulla superficie del pianeta nano che ha avuto il vulcanismo basaltico sulla Terra

  • Mappando il movimento orbitale di due nane brune, un team di ricercatori è stato in grado di determinare le loro masse. Si è così scoperto che possono arrivare ad avere una massa pari anche 75 volte quella di Giove, riducendo così la linea di separazione tra stelle e nane brune

  • All’Epsc, il Congresso europeo di planetologia in corso a Berlino, è stato presentato uno studio che, simulando scontri “mordi e fuggi” tra e protopianeti formati in diverse zone del sistema Solare, calcola che una buona parte dell’acqua dei pianeti rocciosi verrebbe proprio da questi incontri occasionali

  • Due articoli pubblicati di recente su Astronomy & Astrophysics, coordinati da Veronica Roccatagliata ed Elena Franciosini dell’Inaf di Arcetri, confermano la natura binaria di due ammassi stellari, misurando per la prima volta – grazie ai dati del satellite Gaia dell’Esa – la separazione spaziale fra i rispettivi subammassi

  • Resti brillanti del materiale rimasto dal processo di devolatilizzazione avvenuto sulla superficie di Mercurio forniscono nuove informazioni sulla storia della formazione del primo pianeta del Sistema solare. Lo mostra uno studio guidato da Alice Lucchetti dell'Inaf di Padova e pubblicato su “Journal of Geophysical Research: Planets”

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information