INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
seminario Dr. ssa Talvikki Hovatta
Quando:
23.11.2017 - 23.11.2017
Dove:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono - Padova
Categoria:
Seminario

Descrizione

Seminars

Giovedi 23 Novembre 2017, h. 11:30 
 Aula L. Rosino Dipartimento di Fisica e Astronomia

  Talvikki Hovatta

  Università di Turku 

 

                              Magnetic fields around relativistic jets

 

ABSTRACT

Relativistic jets, where the plasma travels near the speed of light, are seen to emanate from supermassive black holes in the centers of active galaxies. Despite decades of observations, we still do not know how exactly these jets are launched, but according to simulations and analytic studies, magnetic fields are thought to play a significant role in the process. 3C273 is one of the brightest quasars in the sky over the entire electromagnetic spectrum. It is relatively nearby with a redshift of z=0.158, and was the first radio source whose emission lines were noted to be at high redshift. Its parsec-scale jet is well resolved in Very Long Baseline Array (VLBA) observations, which allowed Asada et al. (2002) to detect the first Faraday rotation measure  gradient transverse to the jet, indicative of a helical magnetic field around the parsec-scale jet. VLBA observations at 43 and 86 GHz have also revealed a very high rotation measure (RM) of 10^4 rad/m^2 between its two innermost jet components (Attridge et al. 2005), making 3C273 one of the most interesting objects for studying the magnetic fields at the base of the jet. I will present recent observations taken at 1mm wavelength with ALMA, where we detect a very high Faraday rotation of >10^5rad/m^2 across the band.  We model the Faraday rotation and frequency-dependent polarization behaviour to distinguish between different Faraday rotation models. I will also discuss how radio polarization observations using both VLBA and ALMA can reveal the magnetic field structure around relativistic jets, and how these observations can be connected to theory of jet formation.

Sede

Venue:
Aula L. Rosino - Dipartimento di Fisica ed Astrono
Via:
vicolo dell'Osservatorio 2
Cap:
35122
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Firmato un protocollo d'intesa tra Miur, Regione, Università di Sassari e Istituto nazionale di fisica nucleare per candidare il sito di Sos Enattos. Il dicastero di viale Trastevere interverrà con fondi statali per 17 milioni di euro. L’interferometro di terza generazione si aggiungerà ai già funzionanti Ligo e Virgo

  • Il presidente dell'Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston visita il Sardinia Radio Telescope, dando corso alla Convenzione tra Inaf e Asi per l'utilizzo dell'antenna nel Deep Space Network della Nasa

  • Stelle di neutroni, nane bianche, stelle in formazione: tutte, raggiunte determinate condizioni, mostrano lo stesso comportamento, ovvero la capacità di espellere materia ad altissima velocità: un fenomeno noto con il nome di ”propeller”. A fornire prove di questa universalità è il lavoro di quattro ricercatori dell’Inaf

  • Un po’ come gemelli, le stelle di una galassia e il buco nero centrale sembrano crescere assieme, almeno per quanto riguarda la massa. Uno studio nippo-taiwanese con il radiotelescopio Alma ha però trovato una particolare galassia in cui questo meccanismo di feedback non avviene. Il commento di Michele Perna dell'Inaf

  • Utilizzando la telecamera ad infrarossi CanariCam installata sul Gran Telescopio Canarias, un gruppo di ricercatori ha realizzato una dettagliata mappa che rileva i campi magnetici dei gas e delle polveri che spiraleggiano attorno al buco nero supermassiccio al centro della nostro galassia

  • Sfruttando il lieve attrito della rarefatta atmosfera marziana, il Trace Gas Orbiter di ExoMars dell’Esa ha progressivamente abbassato la propria orbita attorno al pianeta, ed è ormai pronto per iniziare le operazioni scientifiche, in particolare la ricerca del metano

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information