INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
seminario Dr. Richard Anthony D'Souza
Quando:
23.02.2018 - 23.02.2018
Dove:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova - Padova
Categoria:
Seminario

Descrizione

Seminars

Venerdi 23 Febbraio 2018, h. 11:30 
 Aula Jappelli Osservatorio Astronomico

Richard Anthony D'Souza

  Specola Vaticana
 

 Unravelling the Andromeda Galaxy's most massive merger

Abstract

The Andromeda Galaxy (M31), our nearest large galactic neighbour, offers a unique opportunity to test how mergers affect galaxy properties. M31's stellar halo caused by the tidal disruption of satellite galaxies is the best tracer of the galaxy's accretion history. Despite a decade of effort in mapping out M31's large stellar halo, we are unable to convert M31's stellar halo intoa merger history. Here we use cosmological models of galaxy formation to show that M31’s massive and metal-rich stellar halo containing intermediate age stars implies that it merged with a large (M* ~ 2.5 x 10^10 M_sun) galaxy ~2 Gyr ago. The simulated properties of the merger debris help to interpret a broader set of observations of M31’s stellar halo and satellites than previously considered: its compact and metal-rich satellite M32 is the tidally-stripped core of the disrupted galaxy, M31’s rotating and flattened inner stellar halo contains most of the merger debris, and the giant stellar stream is likely to have been thrown out during the merger. This accreted galaxy was the third largest member of the Local Group. This merger may explain the global burst of star formation ~2 Gyr ago in the disk of M31 in which ~1/5 of its stars were formed. Moreover, M31’s disk and bulge were already in place before its most important merger, suggesting that mergers of this magnitude do not dramatically affect galaxy structure.

Sede

Venue:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova
Via:
vicolo Osservatorio 5
Cap:
35122
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • La missione è stata fondamentale nella raccolta di alcuni dati sul ghiaccio presente su Marte. Ora torna in vita in alcuni scatti di fine 2017

  • Scoperta nell’agosto del 2016, la supernova superluminosa Des16C2nm (la più lontana a oggi conosciuta) è stata ora oggetto d’analisi spettrale in ultravioletto. «Questi oggetti potrebbero diventare candele cosmologiche standardizzabili ben oltre il limite consentito dalle supernove Ia», dice a Media Inaf Andrea Pastorello dell'Inaf di Padova

  • Identificare la chiralità delle molecole è di importanza cruciale in molte applicazioni chimiche e farmaceutiche. Su Nature Physics è stato pubblicato uno studio che riporta un nuovo metodo con impulsi laser di durata estremamente breve per eccitare gli elettroni delle molecole in modo da rivelarne la preferenza rotazionale

  • La sonda Juno colpisce ancora: a ogni passaggio ravvicinato dell'atmosfera gioviana ci regala eccezionali scatti di nuvole, cirri e cumuli da un altro pianeta. Qui rielaborati dal citizen scientist Kevin M. Gill

  • È la più vicina super-Terra mai osservata tramite la tecnica della lente gravitazionale. A scoprirla, nella costellazione del Toro, durante alcune osservazioni condotte nella notte di Halloween dello scorso anno, è stato un team di scienziati guidato da ricercatori dell'Università del Salento associati Inaf e Infn

  • Gli animali notturni possono usare le stelle e la Via Lattea per orientarsi durante le ore più buie. Così suggerisce uno studio svedese, appena pubblicato sui ”Proceedings of the Royal Society B”, che fa il punto su questo filone di ricerca e individua nella tecnologia uno dei cardini per i suoi futuri sviluppi

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information