INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

Asiago - Pennar.gif

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
seminario Dr. Richard Anthony D'Souza
Quando:
23.02.2018 - 23.02.2018
Dove:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova - Padova
Categoria:
Seminario

Descrizione

Seminars

Venerdi 23 Febbraio 2018, h. 11:30 
 Aula Jappelli Osservatorio Astronomico

Richard Anthony D'Souza

  Specola Vaticana
 

 Unravelling the Andromeda Galaxy's most massive merger

Abstract

The Andromeda Galaxy (M31), our nearest large galactic neighbour, offers a unique opportunity to test how mergers affect galaxy properties. M31's stellar halo caused by the tidal disruption of satellite galaxies is the best tracer of the galaxy's accretion history. Despite a decade of effort in mapping out M31's large stellar halo, we are unable to convert M31's stellar halo intoa merger history. Here we use cosmological models of galaxy formation to show that M31’s massive and metal-rich stellar halo containing intermediate age stars implies that it merged with a large (M* ~ 2.5 x 10^10 M_sun) galaxy ~2 Gyr ago. The simulated properties of the merger debris help to interpret a broader set of observations of M31’s stellar halo and satellites than previously considered: its compact and metal-rich satellite M32 is the tidally-stripped core of the disrupted galaxy, M31’s rotating and flattened inner stellar halo contains most of the merger debris, and the giant stellar stream is likely to have been thrown out during the merger. This accreted galaxy was the third largest member of the Local Group. This merger may explain the global burst of star formation ~2 Gyr ago in the disk of M31 in which ~1/5 of its stars were formed. Moreover, M31’s disk and bulge were already in place before its most important merger, suggesting that mergers of this magnitude do not dramatically affect galaxy structure.

Sede

Venue:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova
Via:
vicolo Osservatorio 5
Cap:
35122
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Scoperto nel 2010, l’asteroide della fascia principale 2010 CV60 era stato dedicato – dall’astronoma dell'Agenzia spaziale statunitense Amy Mainzer – alla cantautrice scomparsa ieri, giovedì 16 agosto, all’età di 76 anni

  • È dallo scorso 10 giugno che il rover Opportunity della Nasa non dà segni di vita. Ma la tempesta di polvere che lo ha costretto all’isolamento sembra placarsi, e i tecnici della missione si preparano a tentare di ristabilire un collegamento

  • In orbita stetta attorno a una stella a 650 anni luce da noi, il gigante gassoso ha una temperatura elevatissima: oltre 4000 gradi. La rilevazione dei metalli è avvenuta grazie allo strumento Harps-N del Tng. Fra gli autori dello studio, pubblicato oggi su Nature, c’è anche Emilio Molinari, direttore dell’Inaf di Cagliari

  • Inauguriamo con quest’intervista a Lorenzo Amati, principal investigator di Theseus, uno speciale in tre puntate dedicato alle missioni – Theseus, appunto, Spica ed EnVision – in corsa per la selezione M5 dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea

  • I protoni presenti nei nuclei degli atomi più pesanti sembrano avere in media più “vigore” dei neutroni, e questo proprio per il fatto di essere in minoranza. Fenomeno che dovrebbe dunque presentarsi ancora più marcato nelle stelle di neutroni. Lo studio oggi su Nature

  • Sono fino a mille volte più luminose della Via Lattea, ma oscurate da gas e polveri: gli astronomi le hanno chiamate Hot Dog. Per la prima volta, grazie a uno studio guidato da Luca Zappacosta dell'Inaf di Roma, possiamo vedere queste galassie in dettaglio nei raggi X

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information