INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

La Torre della Specola.jpg

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
Seminario Dr. Matteo Bianconi
Quando:
14.02.2019 - 14.02.2019
Dove:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova - Padova
Categoria:
Seminario

Descrizione

Seminars

Giovedi 14 Febbraio 2019, h. 11:30 
 Aula Jappelli Osservatorio Astronomico

Matteo Bianconi 

   School of Physics and Astronomy University of Birmingham
 
 

 LoCuSS: Galaxy properties in and around massive clusters at z=0.2

 

Abstract

Galaxy cluster evolution is driven by accretion, in the form of both baryonic and non-baryonic matter, of smooth continuous streams of small haloes, together with episodic merging of more massive systems. Given that clusters double their mass below z∼0.5, the LoCuSS survey provides the ideal dataset to study how accretion shapes clusters and their galaxy members. In particular, LoCuSS clusters have excellent data coverage in both wavelength and area, the latter of which includes infalling regions. I will present direct evidences of pre-processing in a population of newly discovered infalling groups, caught at their first encounter with the cluster environment. Star formation quenching appears effective in galaxies already prior to them settling in the cluster potential, and groups are favourable locations for this process. The fraction of star-forming galaxies in groups is compatible with cluster cores, suggesting that groups populate clusters with passive galaxies. Additionally, I will show a new study targeting dust consumption in cluster galaxies and its dependence with respect to the cluster dynamical state.

Sede

Venue:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova
Via:
vicolo Osservatorio 5
Cap:
35122
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Una foto spettacolare della Nebulosa Meridionale del Granchio si aggiunge alla collezione e celebra il ventinovesimo compleanno di Hubble, il telescopio che, in attesa del James Webb telescope, non smette di stupire

  • A 250 anni luce di distanza dalla Terra, su una piccola e fredda stella grande quanto Giove, è stato osservato un brillamento stellare dieci volte più potente di qualsiasi cosa sia mai stata vista sul Sole. Il brillamento, osservato nella notte del 13 agosto 2017, ha emesso un’energia equivalente a 80 miliardi di megatoni. Tutti i dettagli su Mnras Letters

  • Un solido cuore di ferro grande circa la metà dell’intero nucleo del pianeta. Sono i risultati ottenuti grazie alle osservazioni della sonda Messenger della Nasa durante quattro anni in orbita attorno a Mercurio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, il 34enne Antonio Genova della Sapienza Università di Roma

  • La parola d’ordine è: coinvolgere. E per coinvolgere un pubblico il più ampio possibile nell’astronomia gravitazionale ecco arrivare due nuovi tool. Uno consente di ricevere in tempo reale le segnalazioni di eventi dalla collaborazione Ligo-Virgo. L’altro, invece, di mettere il tempo morto della propria cpu a disposizione degli astrofisici che studiano le fusioni fra buchi neri

  • Un team internazionale di astronomi ha annunciato di aver osservato un segnale a raggi X molto probabilmente originatosi da una magnetar generata dalla fusione di due stelle di neutroni. Il segnale è stato catturato nel corso della 7-Megasecond Chandra Deep Field-South survey. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati su Nature

  • Scoperto da un team di ricercatori guardando nei dati raccolti da Kepler, il cacciatore di pianeti della Nasa, Kepler-47d è il terzo esopianeta trovato in orbita attorno ai due soli del sistema Kepler-47, a 3340 anni luce da noi. I risultati su The Astronomical Journal

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information