INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

L' INAF - Osservatorio Astronomico di Padova è una struttura di ricerca dell'Istituto Nazionale di Astrofisica. L' attività principale dell'istituto è la ricerca scientifica nei vari campi dell'astrofisica, inclusa la progettazione e lo sviluppo di tecnologie innovative per strumentazione astronomica d’avanguardia. L'Osservatorio di Padova favorisce inoltre la diffusione della cultura scientifica grazie a progetti di didattica e divulgazione dell’Astronomia che si rivolgono alla Scuola e alla Società. 

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova.jpg

In evidenza

Stampa

INAF - Osservatorio Astronomico di Padova

Evento 

Titolo:
Seminario Dr.ssa Lauren Schatz
Quando:
22.02.2019 - 22.02.2019
Dove:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova - Padova
Categoria:
Seminario

Descrizione

Seminars

Venerdi 22 Febbraio 2019, h. 11:30 
 Aula Jappelli Osservatorio Astronomico

Lauren Schatz 

   The University of Arizona, College of Optical Sciences
 
 

 Optimization of a Pyramid Wavefront Sensor for Extreme Adaptive Optics

Abstract

Within the next decade, the world will see a new generation of telescopes with diameters up to 40m, called the Extremely Large Telescopes [ELTs]. One of the most exciting promises of ELTs is the detection and characterization of exoplanets. Astronomers have developed adaptive optics (AO) systems to compensate in real time the effects of atmospheric turbulence on image quality. Extreme adaptive optics (exAO) systems in combination with state-of-the-art coronagraphs take these corrections to a new level to provide the contrast and resolution needed to see these faint, small objects. All of the ELTs implement pyramid wavefront sensors (PWFS) in the design of their adaptive optics systems to provide high precision wavefront sensing and control. The Pyramid Wave Front Sensor (PWFS) is based on optical Fourier filtering: light at the focal plane is split using a glass Pyramid, and then reimaged into pupil images which contain phase information encoded as intensity variations. Although pyramid wavefront sensors are now common place in astronomy adaptive optics, much remains to be learned about their fundamental sensitivities to wavefront aberrations. In particular, low-order aberrations seriously affect the performance of coronagraphs used for high-contrast exoplanet imaging.

To optimize a high contrast pyramid wavefront sensor for a ELT exAO system, we are developing the theoretical framework of a three-sided pyramid wavefront sensor (3PWFS). The 3PWFS should have a higher photon efficiency and therefore be more sensitive to wavefront aberrations than the traditional four-sided pyramid wavefront sensor (4PWFS) in the presence of noise. I present preliminary results of an experiment comparing the performance of 3PWFS and 4PWFS in end-to-end simulations using the Object Oriented Matlab Adaptive Optics Toolbox (OOMAO). To demonstrate the validity of the simulation, I demonstrate the performance of a 3PWFS using the LOOPS testbench at the Laboratoire d'Astrophysique de Marseille. I present the design of the LOOPS testbench, including the Spatial Light Filter (SLM) that we place at the focal plane to generate the pyramidal optics. Current results from the LOOPS testbench will be shown.

Sede

Venue:
Sala jappelli - Osservatorio Astronomico di Padova
Via:
vicolo Osservatorio 5
Cap:
35122
Città:
Padova

Descrizione

Descrizione non disponibile

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Una foto spettacolare della Nebulosa Meridionale del Granchio si aggiunge alla collezione e celebra il ventinovesimo compleanno di Hubble, il telescopio che, in attesa del James Webb telescope, non smette di stupire

  • A 250 anni luce di distanza dalla Terra, su una piccola e fredda stella grande quanto Giove, è stato osservato un brillamento stellare dieci volte più potente di qualsiasi cosa sia mai stata vista sul Sole. Il brillamento, osservato nella notte del 13 agosto 2017, ha emesso un’energia equivalente a 80 miliardi di megatoni. Tutti i dettagli su Mnras Letters

  • Un solido cuore di ferro grande circa la metà dell’intero nucleo del pianeta. Sono i risultati ottenuti grazie alle osservazioni della sonda Messenger della Nasa durante quattro anni in orbita attorno a Mercurio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, il 34enne Antonio Genova della Sapienza Università di Roma

  • La parola d’ordine è: coinvolgere. E per coinvolgere un pubblico il più ampio possibile nell’astronomia gravitazionale ecco arrivare due nuovi tool. Uno consente di ricevere in tempo reale le segnalazioni di eventi dalla collaborazione Ligo-Virgo. L’altro, invece, di mettere il tempo morto della propria cpu a disposizione degli astrofisici che studiano le fusioni fra buchi neri

  • Un team internazionale di astronomi ha annunciato di aver osservato un segnale a raggi X molto probabilmente originatosi da una magnetar generata dalla fusione di due stelle di neutroni. Il segnale è stato catturato nel corso della 7-Megasecond Chandra Deep Field-South survey. I dettagli della scoperta sono stati pubblicati su Nature

  • Scoperto da un team di ricercatori guardando nei dati raccolti da Kepler, il cacciatore di pianeti della Nasa, Kepler-47d è il terzo esopianeta trovato in orbita attorno ai due soli del sistema Kepler-47, a 3340 anni luce da noi. I risultati su The Astronomical Journal

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information