Posizioni 2016
Scadenza Posizione Vincitore          
02/01/2017

Concorso pubblico, per titoli ed esami, a un posto di Ricercatore – III livello, con contratto di lavoro a tempo determinato,  per la Macro Area 3 “Sole e Sistema Solare”, settore di ricerca “Origine ed evoluzione di pianeti, satelliti e corpi minori” e dal tema “Supporto scientifico alle operazioni di SIMBIO-SYS e generazione di Digital Terrain Models per SIMBIO-SYS e CaSSIS” nell’ambito del progetto di ricerca: STC/SIMBIOSYS per la missione BepiColombo, Expert support to SIMBIO-SYS Science Operations dell’ESA e contributo allo strumento CaSSIS per la missione ExoMars TGO 2016 - presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio Astronomico di Padova. DD.38/2016

"CONCORSO OAPD/2016 – RICERCATORE BepiColombo Fase E" il cui avviso è stato pubblicato sulla G.U. n. 95 del 2.12.2016.
Cristina Re
12/12/2016 Concorso pubblico, per titoli ed esami, a un posto di Ricercatore – III livello, con contratto di lavoro a tempo determinato,  per la Macro Area 3 "Sole e Sistema Solare", settore di ricerca “Origine ed evoluzione di pianeti, satelliti e corpi minori” e dal tema "Analisi delle superfici planetarie, da immagini nel visibile, in supporto alle missioni BepiColombo, JUICE e Exomars TGO" nell’ambito del progetto di ricerca: STC/SIMBIOSYS per la missione BepiColombo, scienza-disegno ottico per Janus per la missione JUICE e contributo allo strumento CaSSIS per la missione ExoMars TGO 2016 - presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio Astronomico di Padova. DD.35/2016 Alice Lucchetti
25/11/2016 Selezione per titoli ed eventuale colloquio per il conferimento di un assegno di ricerca dal titolo "ANALISI DELLA CONFIGURAZIONE OTTICA E DI STRAYLIGHT DELLA CAMERA JANUS DELLA MISSIONE JUICEDD.34/2016 Davide Greggio 
07/11/2016 Concorso pubblico, per titoli ed esami, a un posto di Ricercatore – III livello, con contratto di lavoro a tempo determinato, per la Macro Area 5 "Nuove Tecnologie e Strumentazione", settore di ricerca "Sviluppo di nuove tecnologie per osservazioni dallo spazio" e dal tema "Optomechanical AIV ed Interface Manager del TOU per PLATO" nell’ambito del progetto di ricerca della missione spaziale “PLATO” per la realizzazione della optomeccanica – attività da Terra e dallo Spazio ad essa collegata - presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica – Osservatorio Astronomico di Padova. DD.29/2016 Maria Bergomi
15/10/2016 Selezione per titoli ed eventuale colloquio per il conferimento di un assegno di ricerca dal titolo "STUDIO E SIMULAZIONI DI OSSERVAZIONI (IMMAGINI E SPETTRI) CON MICADO PER E-ELT" DD.27/2016 Simona Paiano
15/09/2016 Selezione per titoli ed eventuale colloquio per il conferimento di un assegno di ricerca, tipologia postdoc dal titolo "SIMULAZIONI IDRODINAMICHE DI NUBI MOLECOLARI NEI NUCLEI GALATTICI" DD.24/2016 English version Alessandro Ballone
30/05/2016 Selezione per titoli ed eventuale colloquio per il conferimento di un assegno di ricerca, tipologia postdoc dal titolo "SIMULAZIONE DI VISUALIZZAZIONE 3D DI SUPERFICI PLANETARIE" DD.12/2016 Teo Mudric
20/05/2016 Selezione per titoli ed eventuale colloquio per il conferimento di una borsa di studio dal titolo "IMPLEMENTAZIONE DI UN PROGETTO DI DIVULGAZIONE E DI DIFFUSIONE A SUPPORTO DIDATTICO NEL CAMPO DELLA RICERCA DI ESOPIANETI, SIA ATTRAVERSO LA PIATTAFORMA WEB, SIA IN MODALITÀ FRONT-END" DD.11/2016 Sabrina Masiero 
  22/04/2016 Selezione per titoli ed eventuale colloquio per il conferimento di un assegno di ricerca, tipologia postdoc dal titolo "ANALISI DEL FLUSSO DI MICROMETEORITI E GRANDI IMPATTORI SULLA SUPERFICIE DI MERCURIO E MARTE".  DD.09/2016 Patrizia Borin 

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Questi oggetti unici nel nostro Universo racchiudono una massa pari a poco più di quella del Sole in una regione molto piccola, per questo hanno una densità enorme. Un gruppo di scienziati finlandesi è riuscito a definire con estrema precisione il raggio di una stella di neutroni

  • Il fulmine è un fenomeno atmosferico tanto usuale quanto ancora misterioso, sotto diversi aspetti. Una rete giapponese di rivelatori per raggi gamma ha ora svelato come i fulmini possano produrre radioisotopi e antimateria. Con il commento di Martino Marisaldi dell’Università di Bergen

  • Assodato che i led contribuiscono a non sprecare energia elettrica, gli esperti hanno dimostrato che, in alcuni casi, la ”luce del futuro” potrebbe incrementare l’inquinamento luminoso che invece si cerca di debellare. Un incremento che rischia di passare inosservato ai sensori di Viirs

  • Il rivelatore antartico di neutrini IceCube ha misurato per la prima volta la probabilità che i neutrini vengano assorbiti dalla Terra in funzione della loro energia e della quantità di materia attraversata. La misura è in accordo con il Modello Standard e apre, inoltre, la possibilità di analizzare l’interno del globo terrestre mediante queste sfuggenti particelle

  • Arriva dalla Bicocca, e in particolare dalla ricerca condotta da due esperti nella catalogazione delle frane presenti su Marte, un’ipotesi sul materiale che lubrifica lo scorrimento di ampi volumi di suolo marziano: il ghiaccio. Media Inaf ha intervistato il primo autore dello studio, Fabio De Blasio

  • Per piccina che lei sia, sempre una galassia è. Scoperto da un gruppo di astronomi tra cui Vincenzo Testa dell'Inaf il luogo dove è esplosa Sn2015J, uno tra gli eventi più luminosi nei raggi X mai osservati finora

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information