SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA

L'OAP ha in dotazione un sistema per Videoconferencing con cui e' possibile collegarsi in remoto con qualsiasi altra sede INAF oppure con qualsiasi altro interlocutore che utilizzi un dispositivo dalle stesse caratteristiche.
Inoltre questo apparato consente di collegarsi al sistema di videoconferenze multiple (c.d. MCU) del GARR attraverso il quale e' possibile organizzare sessioni ad n partecipanti.
La stazione LifeSize Express 220 e' un set top box per videoconferenza con capacita' full HD in in standard H.323 e SIP con annessa videocamera FullHD e monitor da 42'' che puo' essere utilizzato sia per comunicazioni private, sia per meeting, sia per seminari.
L'installazione e' attualmente presente in Sala Japelli.
Franco Tinarelli dell'IRA di Bologna, ha preparato un manuale operativo (link in basso) che illusta in maniera chiara e dettagliata le procedure per accedere al sistema di videoconferenze del GARR (MCU) e prenotare una "stanza" per ospitare una sessione di videoconferenza. L'accesso al GARR puo' venire con le credenziali che il personale strutturato INAF utilizza abitualmente per il sito Web dei cedolini paga, pertanto non e' necessaria altra registrazione.
Tutti gli apparati in dotazione alle sedi INAF rispondono ad uno standard per l'assegnazione dei nomi, per cui ognuno di essi sara' raggiungibile all'indirizzo: videoconf."dominio_sede".
Ad esempio, il nostro apparato e' raggiungibile all'indirizzo videoconf.oapd.inaf.it.
Conoscere il nome dell'apparato dell'interlocutore (un po' come un numero di telefono) e' utile solo per collegamenti uno a uno, ovvero quando si chiama direttamente un'altra sede, ma diventa inutile nel caso si partecipi ad una multiconferenza perche' dovranno collegarsi direttamente alla MCU del GARR.

N.B. Il sistema in nostra dotazione gestisce connessioni dirette solo con un (1) altro interlocutore, quindi, se ad esempio si vuole parlare in tre, bisogna sempre appoggiarsi al GARR.

Documenti utili

 

Link utili:

News – MEDIA INAF

Il notiziario online dell'Istituto Nazionale di Astrofisica
  • Il board della National Science Foundation ha dato il via libera al mantenimento in vita dell’Osservatorio, assicurando così il proprio finanziamento – seppur con una progressiva riduzione piuttosto drastica – alle attività scientifiche del grande radiotelescopio

  • Che la velocità della luce nel vuoto fosse la stessa per tutti i fotoni è da sempre uno dei pilastri della fisica e della relatività. Ma alcune teorie alternative non la vedono così. I risultati dello studio di un gruppo di ricercatori guidato da Maria Grazia Bernardini forniscono un nuovo limite sull'energia dei fotoni oltre il quale gli effetti di gravità quantistica diventano importanti

  • Questi oggetti unici nel nostro universo racchiudono una massa pari a poco più di quella del Sole in una regione molto piccola, per questo hanno una densità enorme. Un gruppo di scienziati finlandesi è riuscito a definire con estrema precisione il raggio di una stella di neutroni

  • Il fulmine è un fenomeno atmosferico tanto usuale quanto ancora misterioso, sotto diversi aspetti. Una rete giapponese di rivelatori per raggi gamma ha ora svelato come i fulmini possano produrre radioisotopi e antimateria. Con il commento di Martino Marisaldi dell’Università di Bergen

  • Assodato che i led contribuiscono a non sprecare energia elettrica, gli esperti hanno dimostrato che, in alcuni casi, la ”luce del futuro” potrebbe incrementare l’inquinamento luminoso che invece si cerca di debellare. Un aumento che rischia di passare inosservato ai sensori di Viirs

  • Il rivelatore antartico di neutrini IceCube ha misurato per la prima volta la probabilità che i neutrini vengano assorbiti dalla Terra in funzione della loro energia e della quantità di materia attraversata. La misura è in accordo con il Modello Standard e apre, inoltre, la possibilità di analizzare l’interno del globo terrestre mediante queste sfuggenti particelle

Vai all'inizio della pagina

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information