Tipi di attività

Lo scopo principale delle attività proposte è di far conoscere al grande pubblico e agli studenti come si svolge il lavoro degli astronomi, come vengono realizzati i telescopi, quali sono oggi i migliori strumenti per la ricerca astrofisica e i risultati ottenuti.

A seconda della tipologia dell'utenza, durante le lezioni/laboratori svolti generalmente in sala multimediale in località Pennar, viene approfondito un particolare argomento (il sistema solare, l'evoluzione stellare, le galassie, la cosmologia ecc.) e generalmente ogni incontro si conclude, tempo permettendo, con l'osservazione guidata del cielo tramite gli strumenti - binocoli e telescopi amatoriali - di cui la sala è dotata. Tuttavia, proprio per la possibilità di non trovare buone condizioni meteorologiche, l'aspetto informativo e didattico viene privilegiato rispetto a quello osservativo.

Normalmente viene indicata l'età di fruizione di laboratori e conferenze soprattutto estive per le quali si consiglia ai genitori di venire con bambini in età scolare.

Le lezioni per le scuole sono adatte soprattutto ad alunni a partire dalla quarta classe elementare e fino a studenti delle superiori.


Attività ludico-didattiche vengono organizzate per scolari di prima, seconda e terza elementare, anche in occasione di eventi speciali organizzati dal Comune di Asiago (Asiago in Fiaba).

In alcune occasioni, specie in estate, vengono organizzati degli incontri appositamente per i più piccoli.

Vengono organizzate escursioni guidate Trekking & Astronomia in collaborazione con le guide altopiano.

Solo in periodo estivo su prenotazione sono possibili VISITE GUIDATE AL TELESCOPIO 182 DI CIMA EKAR, quando la strada che conduce a Cima Ekar è libera da ghiaccio e neve. Per tali incontri di Cima Ekar, telescopio Copernico i gruppi possono essere al massimo di 20 persone. Ai genitori si consiglia di partecipare con bambini in eta' scolare.

Guidati da un astronomo, si può accedere nell'officina dove viene effettuata l'alluminatura degli specchi, nella sala di controllo del telescopio e infine salire nella cupola che ospita il maggior strumento presente sul suolo italiano.

La cupola di Cima Ekar presenta delle barriere architettoniche e perciò' non è fruibile per i portatori di handicap.

Periodicamente ci sono anche delle proposte serali nelle quali un ristretto gruppo di visitatori può seguire il lavoro notturno dell'astronomo ad un telescopio professionale.